Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

E se il fine-gennaio 2005 fosse FREDDO e NEVOSO?

Le carte a lungo termine da più giorni ripropongono, per la fine del mese, scenari MOLTO invernali sull'Italia con FREDDO e nevicate a bassa quota su tutto il centro-nord. Si tratta di previsioni con attendibilità inferiore al 20%... ma se fosse tutto vero? Lettura vivamente sconsigliata per i deboli di cuore!

In primo piano - 11 Gennaio 2005, ore 10.34

Meteo-stasi, meteo-piattume e alta pressione ad oltranza sull'Italia. Possibile che il volto dell'inverno 2004-2005 debba essere questo? Da più giorni stiamo tenendo sotto particolare controllo le carte a medio e lungo termine per ipotizzare i possibili effetti sul Mediterraneo centrale delle vistose ondulazioni della corrente a getto che andranno disegnandosi sull'Europa già a partire da giovedì 13. Nel corso del fine settimana prenderà il via una prima irruzione fredda da nordest che produrrà gli effetti principali sulle regioni adriatiche e al sud, ampiamente illustrati in un altro pezzo. Probabilmente una seconda discesa fredda colpirà nuovamente le regioni orientali a partire dal giorno 22 ma tralasciamo per un attimo ogni prudenza e balziamo a lunedì 24 per ritrovare una situazione di blocking sull'Atlantico (ad ovest con l'alta dinamica delle Azzorre) e sulla Russia (ad est con l'alta termica Siberiana). Nel mezzo, ossia sull'Europa, i modelli continuano a vedere una massiccia colata di aria fredda che raggiungerà prima il centro-nord del Continente e poi si tufferà nel Mare nostrum dalla Porta di Carcassona e dalla Valle del Rodano... Se nei prossimi giorni giungessero nuove conferme su questa ipotesi, quali potrebbero essere gli effetti sull'Italia? Vivremmo una fase invernale FREDDA e NEVOSA con l'insistenza per più giorni di temperature fra -5 e -10° a circa 1500m d'altezza (-35°/-40° a 5000m) su tutto il nord, la Toscana, l'Umbria e le Marche. In questo contesto, risulterebbe molto probabile la formazione di un profondo minimo tra il Mar Ligure e la Sardegna che spanderebbe l'aria fredda praticamente ovunque: la Valpadana si troverebbe sotto il tiro gelido e umido delle correnti da est, il centro-sud sarebbero alle prese con un Libeccio molto freddo e nuovi impulsi freddi collegati ad altrettanti corpi nuvolosi continuerebbero a giungere dall'Inghilterra, dalla Francia e dalla Spagna... Tradotto in parole semplici avremmo nevicate sulle regioni settentrionali fino in pianura, a quote sempre più basse sulle regioni centrali (200-300m) con sconfinamenti al piano laddove il freddo penetrerà maggiormente, in collina al sud (600-800m). Le temperature diminuirebbero sensibilmente ovunque e i venti rinforzerebbero notevolmente. Lungo il Tirreno si avrebbero probabilmente episodi di groupel o gragnola. Quanto è attendibile una previsione del genere? Chiaramente, vista la distanza temporale, al momento poco (non più del 20%) ma chi attende la neve o comunque il volto più rigido dell'inverno senz'altro avrà di che sperare...

Autore : Simone Maio

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum