Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

E dopo Pasqua? Le "grane" non sembrano finite...

Passato il periodo pasquale, l'Italia si troverà in una situazione abbastanza "ambigua" dal punto di vista meteo. E' molto difficile ipotizzare ciò che potrebbe succedere.

In primo piano - 1 Aprile 2015, ore 11.00

Cosa succederà dopo il periodo pasquale? Beh, chi sostiene che le grane per meteorologi e previsori siano finite, sbaglia di grosso.

La situazione che si verrà a creare sul nostro Continente per la metà della settimana prossima è tra le più complesse e delicate da decifrare.

Per prima cosa, possiamo escludere che il flusso atlantico torni in auge in Europa. In quel caso la previsione diverrebbe più semplice, anche se la tempistica delle perturbazioni può sempre giocare brutti scherzi.

Sembra altrettanto probabile la formazione di un forte anticiclone in sede inglese, che sarà letteralmente "spalleggiato" da due depressioni: la prima in sede iberica, la seconda sull'Europa nord orientale. Senza dimenticare la presenza di una  seconda zona anticiclonica sulla lontana Turchia.

L'Italia si troverà all'interno di una configurazione denominata "a sella", dove non avremo una figura barica dominante.

Con una situazione di questo tipo, quali saranno i sentieri che la natura potrà seguire? Focalizziamo lo sguardo sulle due zone depressionarie: qualora l'aria fredda da nord-est riuscisse a "dialogare" con la struttura di maltempo presente sull'Iberia, per l'Italia si aprirebbe un nuovo periodo all'insegna della pioggia su molte regioni. Questa tesi era presente ieri nel modello americano, oggi invece è stata parzialmente ritrattata.

L'attenzione andrà posta anche sull'alta pressione inglese. La struttura stabilizzante potrebbe intrufolarsi tra le due basse pressioni, isolandole e non consentendo alcun dialogo tra di loro. Se così fosse, il tempo sull'Italia subirebbe un sensibile miglioramento, con qualche fenomeno residuo solo all'estremo sud. Questa tesi è suffragata, seppur parzialmente, dal modello europeo.

C'è poi una terza opzione, contemplata oggi dal modello americano. L'aria fredda da nord-est (o da est) potrebbe dilagare verso occidente, ma senza avere la forza per dialogare con la depressione iberica. Se questa tesi andasse in porto, la nostra Penisola avrebbe un tempo un po' più freddo, variabile e con fenomeni più probabili lungo il versante adriatico e al meridione, ma senza precipitazioni organizzate.

Insomma, non ci resta che attendere per vedere quale percorso verrà seguito da Madre Natura. Il nuovo rompicapo modellistico...è ufficialmente aperto!

Se metti "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook riceverai i nostri aggiornamenti meteo direttamente sulla tua bacheca di Facebook e potrai interagire con tutti gli altri nostri fan: https://www.facebook.com/MeteoLive 


Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum