Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

E' davvero così anomala questa primavera? Se ne discute sul nostro forum

I forumisti discutono, noi li ascoltiamo.

In primo piano - 20 Maggio 2011, ore 11.42

MeteoLive vuole valorizzare i suoi forumisti, riportando di tanto in tanto sul portale stralci dei loro interventi sul forum, anche pubblicati in discussioni diverse, ma cercando di mantenere una certa coerenza discorsiva. E' una linea che aiuterà anche i nostri lettori ad entrare meglio nel microcosmo degli appassionati di questa affascinante disciplina.

Scrive Aliante2: "la primavera bizzarra che lascia a secco le regioni settentrionali è sicuramente il feedback lasciato dalla Nina, i cui effetti in europa arrivano dopo 3-4 mesi...fenomeno che al momento attuale si è ridimensionato ed è in fase neutra, non credo sia il caso di rievocare lo spettro del 2003 che era figlio di ben altri parametri importanti,ovvero una forte attività solare e Enso+".

Cosa aspettarsi? Aliante2 prova ad usare il buon senso:

"Bella domanda, possiamo solo azzardare qualche ipotesi, la stagione avanza e non andiamo verso l'autunno, l'unica certezza è che presto cesserà l'influenza barica in Europa della Nina, il sole è tornato a livelli di minimo, (solarflux a 84) a mio modo di vedere aumenterà almeno l'attività temporalesca".
 
Ottimista l'analisi di Twuister: "Maggio è un mese in cui i tratti estivi sono predominanti, rispetto a quelli primaverili, a differenza di aprile ove accade il contrario. E se non interviene una saccatura entro la prima decade, questi tratti sono ancora più pronunciati. Tratti estivi significa primi caldi nelle aree continentali, primi bagni sulle zone costiere, primi temporali sulle zone appenniniche ed alpine, tratti che rientrano nella perfetta normalità climatica italiana, non c'è nulla di eclatante o di spaventoso in questa situazione. E poi la siccità, questa mania di volere a tutti i costi la terra sempre bagnata, ma quando mai? Il nord Italia ha grandi fiumi, e basta guardare questi per rendersi conto che la situazione non è assolutamente preoccupante, così come lo stato della vegetazione non presenta alcun segno di siccità. Ma lo sappiamo davvero che significa siccità od un suolo davvero sofferente a causa della mancanza di precipitazioni? Se vado a vedere nei manuali meteo, una siccità si presenta dopo almeno 3/4 mesi di mancanza di precipitazioni, e in particolare per l'area del Nord/Italia (quella a cui MeteoLive si dedica principalmente), le preoccupazioni ci potrebbero essere solo se l'inverno fosse stato secco, ma non di certo per un solo mese di sotto media dopo un anno intero di precipitazioni abbondanti. Insomma, non c'è ancora da stare in ansia, anche e soprattutto perchè, quando la stagione estiva sarà iniziata davvero, e l'hp avrà un po' di stanca, tutto il nord/Italia farà il pieno di temporali e nubifragi, che come al solito si presenteranno numerosi all'appello. Finalmente la terra potrà inzupparsi nuovamente per la gioia degli agricoltori."
 
Stefano 75 attribuisce alla primavera caratteristiche ben diverse da quelle dell'autunno: "Forse si confonde la primavera con l'autunno. La primavera non è affatto la stagione delle perturbazioni atlantiche e dei fronti organizzati, specie il mese di maggio. Anzi, configurazioni come quella in arrivo: paludi bariche, selle, etc, con la pressione al suolo e soprattutto i gpt in quota privi di una chiara connotazione di vorticità, sono assolutamente tipiche per il periodo e le piogge primaverili sono frutto proprio di queste configurazioni, che esaltano l'instabilità e producono il classico tempo nuvoloso (prevalenza di nubi cumuliformi), con sprazzi di sole, rovesci intermittenti e clima mite".

Dissente garbatamente Diamond Sea: "io invece ricordo che, specie il mese di Aprile, era caratterizzato da perturbazioni atlantiche a nastro che scaricavano autentici monsoni sul Nord Italia (erano le piogge della grande fiera d'aprile a Milano N.d. R), spesso anche con conseguenza alluvionali. Invece da metà Marzo non si vede una perturbazione Atlantica degna di questo nome. L'ultimo peggioramente più che Atlantico è stato artico-marittimo".

Pessimista (per chi aspetta la pioggia) sull'evoluzione il forumista Prefrontale: "dalle carte attuali sembra non esserci via d'uscita ad un anticiclone prima azzorriano, poi sempre piu africano in quota, fino a tempo indeterminato, anzi, nel medio lungo termine la situazione potrebbe aggravarsi, infatti notiamo la presenza pericolosa di un cut off in zona iberica (il che è gia' un brutto segnale che alimenta di per sé l'anticiclone) la quale potrebbe: o approfondirsi e sprofondare piu a sud enfatizzando la rimonta calda africana sull'italia, oppure peggio ancora calamitare il vortice islandese in rinforzo e successiva discesa verso sud sempre in zona ispanica o portoghese, in entrambi i casi avremo situazioni simili, ovvero stabilita' quasi assoluta, e caldo in forte aumento ovunque".

E' solo un assaggio di quanto intendiamo pubblicare nei prossimi giorni.
Potete trovare molta altre discussioni interessanti direttamente sul nostro forum: http://meteolive.leonardo.it/meteoforum/
 


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 17.33: A12 Genova-Rosignano

coda rallentamento

Code a tratti causa traffico intenso nel tratto compreso tra Chiavari (Km. 38,3) e Allacciamento A7..…

h 17.32: A7 Milano-Genova

coda rallentamento

Code causa traffico intenso a Barriera Di Genova Ovest (Km. 132,8) in direzione Genova dalle 17:..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum