Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

DOLOMITI: trimestre autunnale più caldo degli ultimi 45 anni!

Consueta analisi fornita dall'Arpav e curata da Bruno Renon.

In primo piano - 2 Dicembre 2006, ore 07.40

Questo mese è risultato caldo, soleggiato e quasi siccitoso. Anche l’ultimo mese dell’autunno ha palesato le stesse caratteristiche di ottobre, ovvero valori termici alti per la stagione e scarsità di precipitazioni. Il mese era iniziato con condizioni quasi invernali, a causa di una delle rare irruzioni di aria fredda dal nord-Europa della stagione autunnale. Fin dal giorno 6, però, un campo di alta pressione, con afflusso di aria calda in quota, si è stabilito sulle Alpi, apportando una prima serie di belle e tiepide giornate di sole. Nel corso del mese le situazioni anticicloniche si sono ripetute, intervallate dal passaggio di qualche debole perturbazione, che hanno favorito molto sole in montagna e frequenti nubi basse notturne nelle valli prealpine. Per il terzo mese consecutivo si è dunque avuto uno scarto positivo di circa 2°C nei valori termici medi mensili, il che delinea, da questo punto di vista, un trimestre autunnale eccezionale. Analizzando la serie storica 1961-2005 si può affermare che l’autunno 2006 può essere classificato come il più caldo degli ultimi 45 anni. Confronti con il passato più lontano sono sempre delicati (per la disomogeneità dei siti di misura e della strumentazione utilizzata negli anni e per la scarsa disponibilità di lunghissime serie storiche), ma pare siano stati davvero pochi gli autunni con temperature medie trimestrali così anomale, come ad esempio quello del 1949 e soprattutto quello del 1926, probabilmente l’autunno cui bisogna risalire, in qualche località, per ritrovare una situazione simile o ancora più anomala di quella di quest’anno. Anche sotto l’aspetto delle precipitazioni totali l’autunno si è rivelato anormale e poteva esserlo ancora di più se non ci fosse stato l’episodio di forte maltempo a metà settembre. A tal proposito si ricordano i frequenti autunni poco piovosi della seconda metà degli anni ‘80. Le temperature medie mensili sono risultate mediamente 1-2°C superiori alla norma, con scarti anche maggiori in quota (quasi 3°C ad Arabba) e questo a causa delle perduranti situazioni di alta pressione, associate ad aria relativamente calda nei livelli alti dell’atmosfera. L’unica fase di freddo, accentuata dal vento, si è verificata nei primi 4 giorni, poi si sono succedute moltissime giornate insolitamente calde, specie in montagna. L’ultimo mese di novembre così caldo si ebbe nel 1994. Le precipitazioni totali mensili sono risultate molto scarse, con le poche, deboli piogge concentrate nella fase compresa fra il 18 ed il 22. Generalmente è piovuto il 5-10% del valore normale per questo mese. Per ritrovare un autunno così secco bisogna tornare al 1988. La notevole esiguità delle piogge, soprattutto in relazione alle “potenzialità” pluviometriche di questo mese, ha accentuato il deficit delle piogge totali dall’inizio dell’anno sul settore dolomitico della provincia e lo ha esteso anche alle Prealpi, con scarti negativi compresi fra il 10 ed il 30%. Di questo mese si devono ricordare: ·il forte vento dei giorni 1 e 2 (raffiche di 89 km/h sul Monte Cesen, 58 km/h a Falcade) e l’associato effetto föhn nelle valli il 2 (17.5°C a Perarolo, 15.5°C a Caprile); ·il freddo del giorno 4 (minime di -12°C a Cimabanche, -9°C a Sappada e a Padola, -6°C a Belluno); ·le temperature diurne molto miti del giorno 7 (19°C °C a Pian Cansiglio, 16.5°C a Casamazzagno, 13.5°C a Passo Falzarego). In Cansiglio si verifica in questo giorno un’escursione termica di ben 27°C (minima -7, massima 19°C). ·il vento forte del giorno il 12 (raffiche di 81 km/h sul Faloria, 55 km/h a Sappada); ·le temperature diurne molto alte per il periodo il 27 (massime di 13.5°C a Misurina, 12°C a Passo Falzarego). In tutto si sono avuti 15 giorni soleggiati, 13 variabili e 2 perturbati.

Autore : Bruno Renon, Arpav centro valanghe di Arabba

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum