Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Costa Concordia: dal 15 al 20 luglio periodo ideale per il trasferimento a Genova!

Il bel tempo garantito dall'anticiclone africano potrebbe davvero favorire un trasferimento soft, ma intanto devono essere completate le operazioni per il rigalleggiamento.

In primo piano - 10 Luglio 2014, ore 15.44

L'impressione è che i tempi saranno ancora lunghi, eppure l'occasione atmosferica giusta per trasportare senza patemi la Costa Concordia dal Giglio a Genova starebbe per arrivare. Si, perchè da martedì 15 e meglio ancora da mercoledì 16 sino a domenica 20 il tempo sarebbe perfetto con pochissimo vento, mare calmo e cielo pressochè sereno. Le condizioni ideali per un viaggio così rischioso.

Il problema è che Costa Concordia al Giglio è ancora immersa di 30 metri e dovrà guadagnarne almeno una dozzina per ottenere un pescaggio di 18 metri e mezzo. Solo così potrà poi essere trainata verso Genova, non prima di un breve passaggio per la virata presso l'isola di Giannutri. L'obiettivo è far riemergere entro lunedì 14 altri 4 ponti, dal 6 al 3 compreso.

Bisognerà poi controllare le condizioni della parte della nave riemersa, un'operazione per la quale potrebbero volerci ben più di 24 o 48 ore, rischiando così di perdere tempo e di non sfruttare le perfette condizioni atmosferiche che si dovrebbero realizzare. Si, perchè se domenica 20 al nord tornassero i temporali, sicuramente sul mare non mancherebbe un rinforzo del vento e dunque un rialzo del moto ondoso.

Il grande Nick Sloane non è però una persona che lavora di fretta e vorrà fare le cose in modo perfetto, dunque si aspetterà eventualmente un nuovo periodo di calma piatta. In questa fase dell'operazione sono impegnate circa 300 persone.

Secondo i piani, il 14 luglio grazie al sistema dei cassoni, prima dovrebbe risalire la poppa, poi a seguire la prua, quindi il relitto verrà riportato in assetto e ormeggiato a circa 30 metri a est, verso l'esterno dall'isola. I test di queste ore devono dare un corretto funzionamento degli apparati posizionati sulla nave.

Sempre in base a quanto si apprende Costa spa e consorzio Titan Micoperi hanno predisposto un'analisi delle criticità e dei rischi dell'operazione che in una delle peggiori ipotesi prevede lo scivolamento della nave in una 'scarpata' marina di 100 metri di profondità davanti al Giglio.


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum