Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Cosa è successo questa notte?

Violenti temporali hanno imperversato nelle ora tardo-serali e notturne tra alto Piemonte e Lombardia. I fenomeni sono stati localmente molto intensi; tutto merito, o colpa a seconda dei punti di vista, di infiltrazioni di aria fresca e instabile da ovest.

In primo piano - 31 Luglio 2008, ore 10.15

Il catino padano ha racimolato in questi ultimi giorni una notevole quantità di calore ed umidità, con temperature che nella tarda sera e nelle prime ore della notte faticavano a scendere sotto i 26-28°C ed un’umidità relativa che, dopo il tramonto, sfiorava ed in alcuni casi superava il 90%. L’energia udo-termica disponibile era notevole; ciò che mancava a questa bomba meteorologica era solo una miccia. Non si attendevano perturbazioni organizzate, né fronti incisivi, tali da penetrare sul nord Italia e rimescolare queste condizioni atmosferiche con quelle delle alte quote. Sarebbe bastata anche dell’instabilità pre-frontale a smuovere la tanica esplosiva padana. Niente di tutto questo. Si è trattato di infiltrazioni di aria fresca atlantica, alle quote medio-alte, proveniente dal sud della Francia; un classico effetto tunnel, alla stregua di quello di natura calcistica, al centro di un campo di alta pressione disteso tra la Scandinavia e il Mediterraneo. Lo stesso che sta portando caldo e afa sulla nostra penisola. Tale flusso ha contribuito, già nel pomeriggio-sera di ieri, allo sviluppo di imponenti celle temporalesche tra l’Alvernia, la Valle del Rodano e la Franca Contea. Questi sistemi temporaleschi, invece di esaurirsi dopo il tramonto, hanno ripreso vigore nel loro transito verso ENE, grazie all’imponente serbatoio energetico al suolo, fatto di tanta umidità e calore accumulati nelle giornate precedenti. Si sono così sviluppate altre supercelle sulla Svizzera e sulla Germania; ma anche sulla Pianura Padana. Ma mentre altrove si sono dissolte entro le prime ore della notte; sul nostro settentrione hanno invece continuato a divorare calore ed umidità dai bassi strati, fino a generare nuovi ed imponenti mostri temporaleschi dai fortissimi moti verticali. In questo modo si sono verificati fenomeni piuttosto violenti, con rovesci di pioggia brevi ma molto intensi, grandinate e colpi di vento, ed un vistoso calo termico a causa dell’aria che precipitava dalle alte quote. Gli stessi fenomeni si sono distribuiti però a macchia di leopardo, come spesso accade in queste situazioni, dove non è un vero e proprio fronte ad avanzare e scalzare l’aria dei bassi strati, ma il risucchio di queste bolle temporalesche. Pertanto in zone prossime ai fenomeni sono sopraggiunti solo vento e rombi di tuono. Insomma un evento notevole in una fase meteo all'apparenza piuttosto stabile. Quando il meteo fa sul serio, è capace di sorprendere tutti, anche nel sonno.

Autore : Giuseppe Tito

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum