Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Cosa combinerà la depressione in azione da lunedì sull'Italia?

Svisceriamo passo passo l'evoluzione che si prospetta in questa frizzante fase stagionale, più di stampo invernale che pre-primaverile.

In primo piano - 5 Marzo 2010, ore 10.53

Gran fermento sullo scacchiere euro-mediterraneo fino alla metà di marzo. Fulcro di primaria importanza una saccatura quasi stazionaria proiettata dal vortice polare verso l'Europa centrale. Il blocco anticiclonico eretto sull'area britannica provvederà a deviare la corrente a getto in due tronconi dei quali il primo, quello che sorvolerà le alte latitudini, si porterà dietro aria decisamente fredda e una buona dose di vorticità ciclonica che farà perno sulle nostre regioni nord-occidentali. La scia di questa vorticità ci permette di prevedere che il blocco freddo scivolerà sulla Francia per poi rientrare sul Mediterraneo costruendo un minimo di pressione al suolo sui nostri mari di ponente. Nel frattempo il secondo ramo del getto, quello finito a sorvolare il nord Africa, provvederà dal canto suo ad alimentare una seconda area depressionaria sui nostri bacini meridionali. L'azione sinergica di queste due strutture causerà la costruzione di un complesso sistema frontale che abbraccerà a più riprese tutto il nostro Paese. Fatta salva la giornata di lunedì, quando la manovra non sarà ancora andata in porto, quelle di martedì e mercoledì vedranno una nuova recrudescenza del maltempo, soprattutto al centro e al sud. Su queste regioni difatti maggiori saranno i contrasti tra le fredde correnti in rientro dalla Francia e quelle più miti risalenti dal nord Africa. L'instabilizzazzione della colonna d'aria ad opera sia della sovrapposizione irregoloare tra i flussi, sia a causa del tiraggio offerto dal taglio verticale di vento imposto dal getto, favorirà precipitazioni prevalentemente convettive, a tratti anche temporalesche, in particolare sulle regioni ioniche. La neve sarà relegata a quote montane, con qualche fioccata più in basso sull'Appennino centrale, in particolare sulle Marche, dove potranno sbiancarsi qua e là anche le quote collinari. Al nord il ventaglio nuvoloso risulterà più marginale e frammentato, tuttavia il compasso delle precipitazioni potrà allungarsi temporaneamente nella giornata di mercoledì e determinare il rischio di nuove deboli spruzzate di neve a quote collinari, se non addirittura pianeggianti. Emilia, Romagna, Triveneto e bassa Padana in pole position.

Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 01.19: A23 Palmanova-Tarvisio

rain

Pioggia nel tratto compreso tra Udine Sud-Tangenziale (Km. 13,6) e Barriera Di Ugovizza-Tarvisio (K..…

h 01.12: A1 Firenze-Roma

controllo-velocita

Controllo velocità nel tratto compreso tra Incisa - Reggello (Km. 319,9) e Firenze Sud (Km. 300,9)..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum