Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Corrente a getto guastafeste dell'inverno, ma...

Attenzione alla fine dell'anno...

In primo piano - 16 Dicembre 2014, ore 11.00

Per Natale il fiume d'aria che scorre al di sopra delle nostre teste a 10km di altezza ha intenzione di portarsi dietro l'oceano Atlantico, con tanto di anticiclone delle Azzorre alle nostre latitudini e con molte perturbazioni procedendo verso il nord Europa.

Dunque tra martedì 23 e giovedì 25 il sole potrebbe trionfare su gran parte della Penisola, sempre che la presenza di nebbie o di strati bassi non ce ne privino.

Il tutto in un contesto relativamente mite su coste e alture, con un po' di freddo umido al nord e su diverse zone interne del centro.

Al nord però, proprio per il giorno di Natale, è previsto un certo cedimento della struttura anticiclonica, soprattutto in quota con passaggi nuvolosi sulle Alpi e arrivo di nubi basse in Liguria.

Sarà il prodromo di un peggioramento che potrebbe intervenire nei giorni successivi, quando la corrente a getto dovrebbe sensibilmente ondulare, favorendo l'inserimento di nuove figure perturbate o comunque depressionarie in sede mediterranea.

Insomma il dominio dell'anticiclone risulterà molto modesto e il vero dominatore dovrebbe risultare ancora una volta la corrente occidentale con i suoi serpeggiamenti, in grado certamente di portare delle piogge e delle nevicate in quota, ma non il freddo dell'inverno.

Stamane abbiamo evidenziato anche la possibilità di una frenata più brusca della corrente a getto e di un certo scompattamento del vortice polare, ipotesi sposata dal run parallelo del modello americano per domenica 28, così come riportato qui:
http://meteolive.leonardo.it/news/In-primo-piano/2/anche-oggi-c-qualcuno-che-vede-l-inverno-vicino/48352/
In realtà questa soluzione invernale, così repentina, non convince troppo: per fermare un fiume d'aria e invertire la rotta stagionale, serve che tutti i modelli la fiutino e la rilevino, non solo una corsa isolata di un poter autorevole centro di calcolo. Occhio poi alla stratosfera, il suo monitoraggio d'ora in poi sarà importantissimo per capire cosa potrebbe attenderci a gennaio.

 


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum