Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

CONFRONTO MODELLI: fine anno FREDDO e PERTURBATO, ma l'europeo non ci sta...

Il modello americano e in parte quello canadese optano questa mattina per la linea dura, con freddo e maltempo sull'Italia dopo Natale. Il modello europeo invece fa il bastian contrario e non vede niente di tutto ciò.

In primo piano - 18 Dicembre 2014, ore 09.29

Torna il "blu freddo" sulle carte! Quella che vedete non è un'ipotesi estrema, bensì la previsione emessa questa mattina dal run ufficiale del modello americano e si riferisce alla giornata di domenica 28 dicembre (giorno preso come campione per la nostra comparata di oggi).

Sarebbe quasi superfluo descriverne gli effetti, in quanto con una situazione siffatta arriverebbe il freddo, ma soprattutto la neve a bassissima quota su molte regioni del centro-nord, il tutto accompagnato da forti venti e mari in brutte condizioni.

L'inverno, in sostanza, ci mostrerebbe il suo volto più crudo, dopo un'interminabile sequenza mite che ha quasi fatto dimenticare le potenzialità di questa stagione sulla nostra Penisola.

La seconda cartina inquadra la situazione prevista per il medesimo giorno dal modello canadese.

La dinamica non è molto diversa da quella contemplata dal collega americano, ma il bersaglio dell'aria fredda sarebbe spostato più ad ovest, in direzione della Francia e le Isole Britanniche.

Sulla nostra Penisola si attiverebbe una corrente di risposta meridionale, ma sempre fredda (trattasi di aria fredda di ritorno) che causerebbe maltempo e nevicate in pianura segnatamente al nord (nord-ovest in primis). Le altre regioni sarebbero interessate da una fase di maltempo, con temperature in calo, ma senza grossi eventi in campo termico, almeno in una prima fase.

Il modello che in questa circostanza rischia di diventare la bestia nera degli amanti dell'inverno è l'europeo. Anche questa mattina non è d'accordo con le prestazioni delle elaborazioni di oltre oceano e pone una zona di alta pressione (seppure non robusta) sul Mediterraneo e l'Italia.

Nessuna traccia di discese fredde, ne orientali, ne occidentali. Il freddo resterebbe ammassato sul centro-nord Europa senza scendere di latitudine.

Chi avrà ragione? Al momento, tutte le opzioni sono equiprobabili in quanto la scadenza previsionale è molto elevata. Tuttavia, il modello americano seguita a proporci corse molto interessanti, seppure a fasi alterne, dopo il periodo natalizio; è un segnale che sicuramente qualcosa accadrà, ma per i dettagli bisognerà (purtroppo) aspettare ancora.

 


Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum