Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Confermato il grande anticiclone ma anche le incertezze da mercoledì 18 ottobre in avanti

Nei prossimi giorni il nostro Paese tornerà ad essere interessato in maniera decisa da una forte figura di alta pressione. In sintesi l'evoluzione prevista questa settimana, con un occhio a lungo termine.

In primo piano - 10 Ottobre 2017, ore 17.30

Evoluzione del tempo prevista a breve termine (mercoledì 11 - venerdì 13): a livello sinottico, nei prossimi giorni una nuova figura di alta pressione tenderà a rinforzare sull'Europa, mettendo in gioco masse d'aria molto calde di origine subtropicale oceanica. Almeno in un primo momento tale rimonta non porterà alcun effetto eclatante sul profilo termico negli strati superficiali che continueranno ad essere del tutto simili a quelli sperimentati in questo inizio di settimana, seppur con tendenza a lenta, costante ascesa ai piani superiori. Anzi lungo le coste del versante medio ed alto tirrenico, una risacca di venti meridionali trascinerà nuvolosità di tipo basso con cieli spesso grigi e nebbie dense sui rilievi. Qualche nebbia possibile nottetempo ed al primo mattino anche sulla Valpadana, altrove condizioni soleggiate e miti. 

Evoluzione del tempo prevista a medio termine (sabato 14 - martedì 17): si consumerà in questa fase l'apice del nostro anticiclone con una vistosa "bolla" d'aria molto calda che nel fine settimana attraverserà proprio il nostro Paese. Valori termici in rialzo sia al suolo che in quota, con zero termico pronto a schizzare sin verso 4000 metri lungo le Alpi. Possibili nebbie nottetempo ed al primo mattino su valli interne e pianura padana, molto mite nelle ore pomeridiane con picchi sino a +24°C al nord, +26°C al centro ed al sud. Ancora nuvolosità possibile lungo la fascia costiera ligure ed alto tirrenica. Ventilazione debole o assente.

Evoluzione del tempo prevista a lungo termine: viene messo in luce dai modelli tra il termine della seconda e l'esordio della terza decade di ottobre, una riduzione dell'anticiclone a partire dai settori occidentali d'Europa. A quel punto il cuore più caldo della figura altopressoria tenderebbe a migrare verso l'area balcanica ed il Mediterraneo orientale. Aumenterebbero le nubi specie al nord e sui versanti tirrenici con occasionali precipitazioni che al momento non possono essere escluse. 

Linea di tendenza a lungo termine da confermare e verificare. Seguite gli aggiornamenti su METEOLIVE.IT


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum