Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Confermata nuova instabilità ed un calo delle temperature nel lungo termine

L'avvicinarsi di novembre, porta con sé una prima, significativa riduzione delle temperature sui paesi del nord Europa. Ecco quale potrebbe essere la ricetta del tempo per il futuro.

In primo piano - 25 Ottobre 2019, ore 17.30

La circolazione di bassa pressione che ha tenuto sotto scacco per così tanto tempo il bacino del Mediterraneo, tende adesso a sprofondare verso le regioni meridionali, lasciando ampio spazio ad una figura altopressoria che ci interesserà nel fine settimana, portando con sé un aumento delle temperature, preludio ad un weekend di tempo stabile e godibile soprattutto al centro ed al nord. Si tratta di una rimonta fisiologica dell'alta pressione che sopraggiunge dopo un lungo periodo di tempo instabile. Per le regioni settentrionali senza dubbio sarà una buona occasione per tirare una boccata d'aria, dopo il maltempo dei giorni scorsi, i terreni colpiti dalle alluvioni potranno iniziare ad asciugare. Ecco la previsione del modello americano riferita a domenica 27 ottobre:

Nel periodo successivo, seppur con un margine ancora abbastanza elevato di incertezza, viene confermata una certa diminuzione delle temperature nell'ambito del Mediterraneo. Questa flessione termica sarà accompagnata dal consolidamento di una figura di bassa pressione sulla Penisola Scandinava, la quale tenderà a dipanare i suoi effetti verso i paesi dell'Europa orientale. Viene altresì confermato un aumento della pressione atmosferica in corrispondenza dell'Europa occidentale e dell'oceano Atlantico. Inutile dire che questo tipo di pattern suggerisce per il nostro Paese, una ventilazione tendenzialmente settentrionale oppure orientale che potrebbe interessarci a partire dagli ultimissimi giorni di ottobre.

Ancora molto incerto se tra mercoledì 30 e giovedì 31, possano esserci o meno i presupposti affinché una prima perturbazione possa far breccia sul nostro Paese, dando una prima limata delle temperature. Al momento il modello americano sembra ancora sostenere l'ipotesi di una deriva instabile proprio negli ultimi giorni del mese, come possiamo osservare in questa previsione riferita a giovedì 31:

Volgendo lo sguardo ai primi giorni di novembre, potrebbero verificarsi dei nuovi affondi perturbati in arrivo da nord, accompagnati da una riduzione abbastanza significativa della temperatura sull'Europa centrale e orientale, fino a due passi dall'Italia. Una previsione che ovviamente necessita ancora di conferma ma che rappresenta un primo step verso quel raffreddamento fisiologico delle temperature che speriamo possa condurci presto alle prime dinamiche invernali.


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum