Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

CNR: Italia "hot-spot" (punto caldo) del riscaldamento globale in atto?

Luci ed ombre in un deludente saggio firmato CNR sul riscaldamento globale. Sul banco degli imputati c'è l'attività antropica.

In primo piano - 21 Dicembre 2010, ore 08.59

L'Italia sarebbe il "punto caldo" europeo nel riscaldamento globale in atto, secondo gli studi CNR, un dato condivisibile. Solo altri i punti freddi, cioè che non convincono nell'analisi del Centro Nazionale delle Ricerche.

Prima di tutto è bene chiarire ai lettori un principio dal quale non si può prescindere: esiste forse un clima immutabile, un clima perfetto per la vita di uomini ed animali? Assolutamente NO.

Perchè tutte le volte che il clima tende a scaldarsi diciamo che è ammalato e quando si raffredda che sta bene? Se il clima si raffreddasse saremmo davvero sicuri di poter vivere meglio, visto tutto il lamentume che si riscontra appena arriva una settimana di freddo? Saremmo davvero sicuro che l'uomo non proverebbe ad inquinare ancora di più per scaldarsi? Ad esempio disboscando, dando fondo a tutte le riserve di gas possibile...etc.

Rispetto a quanto esposto in 10 anni di lavoro su MeteoLive, nel saggio pubblicato dal CNR è condivisibile quasi esclusivamente il passaggio che pone l'Italia come uno dei punti caldi (Hot-spot) del riscaldamento globale. Il Mediterraneo, essendo regione di confine climatica, risente maggiormente anche di modesti rialzi o cali termici, vedendo variare anche in modo clamoroso il proprio clima nell'arco di pochi decenni.

E' già successo e succederà ancora, con o senza uomo. Che questo sia un problema siamo tutti d'accordo, che sia una tragedia molto meno. CNR non ha dubbi, non prende quasi nemmeno in esame altre cause naturali: CO2, metano ed ozono sono i colpevoli del Global Warming. Poi contraddice se stesso ammettendo che esistano ancora significative incertezze sull'evoluzione proposta dalle simulazioni climatiche, perchè in fondo di questa complessa macchina si conosce ancora poco.

Si conosce poco, aggiungeremmo noi, ma si sentenzia molto, troppo. La parola d'ordine è MITIGARE, MITIGARE, MITIGARE, non per vivere di più, non per respirare un'aria meno impestata di gas potenzialmente cancerogeni, ma per abbassare forse di un decimo di grado la temperatura chissà quando, forse nel 2120.

Strano che l'Antartico e le sue performances restino nella penna del Dott.Provenzale, mentre si prodiga a tutta forza a raccontarci della crisi che sta vivendo l'artico. Tutti sanno che nel secolo scorso il sole ha picchiato duro, ma Provenzale, esponente del CNR, ignora il suo contributo almeno come concausa del riscaldamento in atto. Raggi cosmici, flusso solare, irradianza, tutta carta straccia, così come barcolla anche nell'affrontare l'interazione tra aerosol e nubi basse, il cui aumento potrebbe sicuramente provocare un certo calo termico.

Che tristezza...


Autore : Report di Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 13.29: SS531 Di Cropalati

incidente

Incidente a 3,652 km prima di Incrocio Caloveto (Km. 11,6) in direzione Incrocio Cropalati - SS17..…

h 13.25: A19 Raccordo Tangenziale Di Palermo

coda incidente

Code, incidente a 178 m prima di Svincolo A19 Palermo-Catania (Km. 5) in direzione Svincolo Paler..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum