Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

CLIMA: il livello del mare è sceso ed è salito anche senza uomo...

Autentico ossigeno per il mercato immobiliare costiero. La minaccia di sommersione causa inarrestabile innalzamento del livello dei mari si allontana, ammesso e non concesso che ci sia mai stata.

In primo piano - 30 Settembre 2014, ore 09.27

Su Nature Communication è stato appena pubblicato uno studio che produce per la prima volta una serie storica sufficientemente densa e sufficientemente affidabile da permettere di individuare quale sia stato il rateo di crescita del livello dei mari al termine delle ultime 5 glaciazioni, arrivando anche ad individuare delle oscillazioni di ancor più breve periodo nei periodi interglaciali.
 
Sicché, pare che con condizioni di partenza della deglaciazione che abbiano visto una quantità di ghiaccio presente sul pianeta due volte superiore all’attuale, il rateo di crescita del livello dei mari sia arrivato anche a 5 metri per secolo.

Per quantità di ghiaccio pari al doppio di oggi, questo rateo non ha mai superato i 2 metri per secolo e, infine, per condizioni paragonabili alle attuali, il mare è salito in media da 1 a 1,5 metri per secolo.
 
Il rateo attuale di crescita del livello del mare a scala globale è di 3mm l’anno, quindi 30cm per secolo
. Quindi, in uscita dalle glaciazioni – rammento che siamo appunto in un interglaciale tra l’latro presumibilmente quasi concluso – il mare è naturalmente (nel senso della Natura) salito con velocità al minimo tre volte superiori a quella attuale, senza che le attività umane dessero un aiutino.
 
Uno studio interessante, se non fosse che gli autori, presi evidentemente dalla leggittima voglia di recuperare un po’ di visibilità, hanno mandato tutto all’aria con il comunicato stampa rilanciato da Science Daily della pubblicazione del loro articolo.
 
Già, perché nel riportare quanto desunto dalle loro analisi, non hanno mancato di fare il solito riferimento alla catastrofe prossima ventura. Un breve estratto:

Il Professor Rohling specula che potrebbe esserci una lezione importante per il nostro futuro; “Il riscaldamento generato dall’uomo si protrae già da 150 anni e degli studi hanno documentato un chiaro aumento della perdita di massa dalle distese glaciali dell’Antartide e della Groenlandia. Una volta in moto, questa risposta potrebbe essere irreversibile per molti secoli a venire”.
 
Così, tutto ad un tratto, scopriamo che il riscaldamento globale di natura antropica non solo sarebbe iniziato 150 anni fa, ma l’uomo sarebbe addirittura responsabile della fine della Piccola Età Glaciale.

Non so se questi siano solo dei facili entusiasmi da comunicato stampa o se lo abbiano anche scritto nel loro paper (è a pagamento purtroppo), ma se così fosse sarei curioso di leggere i riferimenti bibliografici a supporto di queste affermazioni. Mah…
 


Autore : Guido Guidi (www.climatemonitor.it)

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 02.54: A16 Napoli-Canosa

rain

Pioggia nel tratto compreso tra Allacciamento A1 Milano-Napoli e Candela (Km. 127,9) in entrambe..…

h 02.52: A1 Roma-Napoli

coda incidente

Code per 3 km causa incidente nel tratto compreso tra Colleferro (Km. 592,5) e Anagni - Fiuggi (Km..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum