Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Che caratteristiche avrà l'irruzione di aria fredda in arrivo?

Analizziamo più approfonditamente i fattori che porteranno alla nascita della configurazione barica prevista.

In primo piano - 25 Febbraio 2005, ore 10.50

L'espresso artico è partito, l'aria gelida ha infatti cominciato la sua corsa verso il Mediterraneo ed i Balcani, intenzionata a lasciare il segno perlomeno su gran parte del nord e del centro Italia. Ma da dove trae origine la massa d'aria in arrivo? Dalla Siberia settentrionale, dove negli ultimi giorni si è stabilito un profondo vortice gelido, che ha portato le temperature a toccare in alcune zone i -30°C; va sottolineato il fatto che la traiettoria prevista dell'aria fredda si ripete molto raramente nel corso dell'inverno, ma d'altra parte l'anticiclone delle Azzorre (ancora in vacanza fra l'Islanda e la Groenlandia) dalla sua posizione non può che pilotare la massa d'aria proprio verso sud-ovest, in direzione della Scandinavia prima e del resto dell'Europa poi. Ma quanto è fredda l'aria siberiana in questo periodo? Abbiamo già sottolineato i valori al suolo che si raggiungono in zona (fino a -30°C), tuttavia in questo caso non stiamo trattando una classica irruzione continentale fredda strutturata solo nei bassi strati atmosferici; anzi stavolta la presenza del Vortice sulla Siberia favorirà l'alimentazione della colata gelida anche alle alte quote, fino a 7-9 km di altezza. Insomma l'Europa sta per vivere uno scorcio d'inverno estremamente rigido per il periodo; in particolare Polonia, Slovacchia, Germania, Austria, Alpi ed Appennino centro-settentrionale potranno vedere la colonnina di mercurio sfondare tranquillamente il muro dei -10°C nei primi giorni della prossima settimana. Il freddo durerà a lungo? I venti di Bora e Grecale si attenueranno nella giornata di martedì prossimo, ma il freddo persisterà almeno fino a giovedì, quando addirittura sull'Europa si affaccerà una nuova perturbazione da nord (stavolta seguita da aria leggermente meno fredda), che, a seconda della traiettoria seguita, potrebbe portare nuove nevicate su diverse zone. E' comunque ancora presto per seguire i movimenti della perturbazione dei primi giorni di marzo; conviene infatti concentrarsi sulla previsione fino a mercoledì, per la fase più acuta del gelo.

Autore : Lorenzo Catania

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 03.20: A14 Bologna-Ancona

rallentamento

Veicoli lenti nel tratto compreso tra Allacciamento A13 Bologna-Padova (Km. 14,4) e Allacciamento A..…

h 03.08: A13 Bologna-Padova

rallentamento

Veicoli lenti nel tratto compreso tra Bologna Interporto (Km. 7,9) e Allacciamento A14 Bologna-Tara..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum