Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Centro-nord sotto la pioggia a partire dalla serata di martedì 5 marzo

La spinta delle correnti atlantiche verso levante causerà un probabile peggioramento al centro-nord alla metà della prossima settimana. Primi effetti sul nord-ovest e la Sardegna già martedì 5.

In primo piano - 1 Marzo 2013, ore 10.11

Solo 48 ore. Ecco la durata dell'intervallo di bel tempo che interesserà l'Italia tra domenica e lunedì. Prima di esso, le nostre due Isole Maggiori e le estreme regioni meridionali sperimenteranno una forte fase di maltempo, a suon di piogge intense e temporali. Dopo di esso sarà invece il turno del centro-nord, con le precipitazioni più cospicue che interesseranno mercoledì 6 il settore di nord-ovest.

Il tempo in questo periodo conosce poche pause. Le alte pressioni sono lontane e il Mediterraneo risulta continuamente esposto agli attacchi perturbati, sia da nord che da ovest.

La distanza temporale è ancora abbastanza elevata (siamo a 5 giorni). Tuttavia, la costanza dei modelli nel riproporre scenari perturbati per la metà della settimana prossima rende già credibile l'ipotesi di un peggioramento piuttosto intenso su gran parte del centro-nord.

La cartina in questione si riferisce alle ore centrali della giornata di mercoledì 6 marzo. La mappa va presa a puro titolo informativo, in quanto non è detto che i massimi precipitativi siano disposti in questo modo.

Si nota un blocco precipitativo che ricopre gran parte dell'Italia settentrionale e centrale ( specie i versanti tirrenici). Le correnti di Scirocco che si attiveranno sui bacini di ponente garantiranno un clima complessivamente mite al centro e al sud. Sul settore di nord-ovest e sulla Sardegna i primi fenomeni si faranno già vedere nel pomeriggio-sera di martedì 5.

Al nord, soprattutto al nord-ovest, le correnti sciroccali potrebbero incontrare la resistenza imposta da sacche di aria fredda incastonate nel catino padano. Pertanto, la quota neve sul Piemonte e parte della Lombardia andrà valutata con estrema attenzione, pur scongiurando già ora la neve in pianura.

Come potrebbe evolvere successivamente la situazione? Giovedì 7 il peggioramento, seppure più attenuato, si propagherà anche al resto d'Italia. Altri corpi nuvolosi, però, faranno capolino da ovest, rinnovando l'instabilità sull'Italia almen fino al giorno 10. Insomma, la stabilità duratura si manterrà lontana dal Bel Paese ancora per diverso tempo.

 


Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 14.37: SS309 Romea

incidente rallentamento

Traffico rallentato, incidente a 1,315 km prima di Incrocio Mestre Ovest/Svincolo Rotatoria Margher..…

h 14.35: A4 Milano-Brescia

coda

Code causa viabilità esterna non riceve a Svincolo Sesto San Giovanni-Viale Zara (Km. 138,5) in u..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum