Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Capire se pioverà senza l'ausilio dei LAM (modelli ad area limitata)

Come si può fare? Basta avere una buona esperienza osservativa delle mappe dei global models.

In primo piano - 6 Maggio 2015, ore 12.17

Oggi esistono modelli ad area limitata (LAM) che consentono di sapere se pioverà, quanto pioverà e a che ora pioverà sul tuo quartiere cittadino piuttosto che su un altro, ma il bravo previsore non limiterà certo qui la sua analisi per capire davvero quale sarà la portata di un passaggio perturbato.

Intanto i LAM hanno bisogno di un certo tempo prima di essere resi disponibili dopo l'uscita del global models dal quale traggono i dati per calare il risultato di una previsione a carattere generale su una ristretta fascia di territorio, ma il previsore consultando alcuni parametri della corsa globale del modello, avrà già intuito che tempo potrà fare, anche con un certo dettaglio e difficilmente sbaglierà, specie se ha anni di esperienza sul campo.

Poniamo che stia allora giungendo una perturbazione da ovest-nord-ovest, che non sia accompagnata e sostenuta da una saccatura adeguata. In questo caso i fenomeni finiranno per arenarsi prevalentemente sui versanti nord-alpini. Se la corrente sarà sufficientemente forte in quota le precipitazioni si spingeranno a sud delle Alpi di qualche km, ma poi tutto finirà lì, perchè più a sud l'aria risulterà così secca da non consentire ulteriori precipitazioni, a causa della ricaduta favonica del vento.

Solo lungo l'arco alpino orientale, più basso, riuscirà a penetrare umidità sufficiente a far piovere anche sulle pianure del Friuli Venezia Giulia. Nella fattispecie l'accumulo di aria fredda sul versante nordalpino, il calo pressorio sull'Emilia-Romagna con formazione di un minimo sottovento alle Alpi con correnti al suolo da SW, potrà poi favorire la "collisione" tra l'aria fredda in parziale svalicamento in quota e dalla porta della Bora al suolo lungo l'alto e medio Adriatico, con conseguente formazione di una linea di rovesci, che si muoverà dalla Romagna alle Marche.

Le precipitazioni previste sull'alta Toscana sono invece state indotte da un temporaneo richiamo di venti di Libeccio che accumulano umidità sui monti della Garfagnana, Lunigiana, Apuane, con piogge dunque classiche da stau orografico di modesta entità.

Tutto questo si nota molto bene sia dalla semplice analisi della mappa precipitativa, che chiarisce esattamente tutto quanto è stato esposto, ma anche dalla più complessa ma raffinata analisi a 1500m di quota, dove si vede il minimino tra Emilia e Romagna, la corrente tesa da WNW (naso dell'isoipsa oltralpe) che risulta ancora più marcata a 700hPa, cioè a 3000m, inoltre ecco l'arrivo dell'aria fresca o sarebbe meglio dire fredda sin sui valichi alpini con la neve che potrà cadere oltralpe sin verso i 1500m o più sotto o sui settori confinali a 1700-1800m.

Infine l'analisi dell'umidità e dunque dei corpi nuvolosi presenti a 3000m mette in evidenza l'aria secca indotta dalla corrente discendente favonica sul nord-ovest, l'aria più umida e fresca che è riuscita a scavalcare le Alpi e soprattutto la presenza di una nuova perturbazione in arrivo da ovest che, come mostrano le isoterme, avrà carattere caldo. E' dunque prevedibile una nevicata di addolcimento inizialmente ancora probabile sino alle quote medie, seguita da un brusco rialzo del limite a quote elevate.

Noterete anche che la corrente nord-occidentale riesce ad accumulare umidità anche sul basso Tirreno per effetto stau, ma qui i fenomeni risultano comunque modesti.

Come vedete basta davvero un po' di esperienza per arrivare a capire sommariamente cosa succederà al tempo anche senza avere sotto gli occhi le mappe di un lam. Un bravo previsore quelle le guarderà solo in un secondo tempo.


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum