Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

CALDO ESTIVO: anche il mare recupera gradi

L'arrivo della calura portata dall'anticiclone africano determina una corposa risalita delle temperature superficiali dei mari attorno l'Italia: il punto della situazione.

In primo piano - 26 Giugno 2016, ore 13.45

Ad eccezione di queste ultime giornate, la mensilità di giugno non ha certo spiccato in quanto a stabilità atmosferica e solleone; le prime due decadi del mese sono infatti trascorse sotto le continue interferenze portate da circolazioni di bassa pressione veicolanti molta instabilità ed un profilo termico lontano da un assetto dichiaramente estivo. A risentirne anche le temperature dei nostri mari, stabilmente attestate su valori sotto la media, con diversi picchi inferiori ai +20°C che caratterizzavano soprattutto i settori tirrenici settentrionali ed il mar Ligure.

Dopo le tempeste di Libeccio delle settimane scorse, l'arrivo della calura portata dall'anticiclone africano, ha determinato in primis un calo drastico del moto ondoso che, abbinato alle alte temperature di questi giorni, ha favorito un considerevole incremento della temperatura superficiale del Mediterraneo. Questo strato d'acqua più calda ricopre al momento una porzione veramente esile (1-2 metri), mentre negli strati sottostanti la temperatura è ancora soggetta ad una veloce diminuzione.

L'aumento delle temperature marine superficiali proseguirà senza interruzioni almeno sino alla fine di giugno; l'arrivo dell'instabilità attesa proprio da questo fine settimana sulle regioni settentrionali, non rappresenta infatti un elemento sufficiente atto a portare un nuovo raffreddamento del mar Mediterraneo, neppure sui bacini più settentrionali.

Il passaggio instabile atteso in questi giorni sulle regioni del NORD, appare infatti troppo debole e soprattutto troppo disorganizzato da permettere un incremento deciso della circolazione eolica negli strati prossimi al suolo, elemento chiave che permette di mescolare le acque calde superficiali con quelle molto fredde presenti in profondità e pertanto agevolando un raffreddamento della superficie.

D'altro canto anche il calo della temperatura atteso dalla prossima settimana, il secondo elemento dopo il moto ondoso che sarebbe in grado di "plasmare" l'andamento medio delle temperature marine, sarà abbastanza trascurabile. Neppure questo fattore potrà quindi segnare una decisa inversione di tendenza al processo di immagazinamento di calura ormai intrapreso a pieno regime dal Mediterraneo, in sinergia tra una circolazione atmosferica ormai al 100% estiva ed una potenza solare ai massimi annui. 


 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 18.07: A24 Tratto Urbano

coda

Code causa viabilità esterna non riceve nel tratto compreso tra Portonaccio - Galla Placidia (Km...…

h 18.06: A1 Milano-Bologna

coda incidente

Code per 5 km causa incidente nel tratto compreso tra Allacciamento A15 Parma-La Spezia (Km. 102)..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum