Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

CALDO: da martedì nuova fiammata al centro-sud e su parte del nord-est

Fiammata calda, frutto dell'avanzamento strozzato di una saccatura atlantica.

In primo piano - 12 Settembre 2015, ore 09.31

Una saccatura che non riesce a sfondare è come una macchina con le ruote intrappolate nella sabbia che prova ad uscirne rabbiosamente a colpi di acceleratore. Si solleva dunque un gran polverone che, nel nostro caso, non è altro che l'aria calda sospinta di sponda verso il nostro Paese.

Se il nord-ovest riceverà aria in parte umida e sperimenterà dunque valori miti a causa della presenza di nuvolaglia, già su parte del nord-est, segnatamente su Emilia orientale e Romagna, l'effetto della risalita calda e della ricaduta favonica indotta dal Garbino farà impennare le temperature massime. Stessa cosa, anche più marcata, avverrà sul medio Adriatico, dove mercoledì a ridosso dell'Appennnino i valori risulteranno davvero notevoli per il periodo.

Abbiamo provato ad inserire i picchi di temperatura previsti, anche se il modello li prevede anche più alti, forse esagerando o forse no, comunque sia su Sardegna, Sicilia, Puglia, Lazio, Marche, Abruzzo, Calabria, farà decisamente caldo tra martedì 15 e giovedì 17, con un'appendice anche per venerdì 18.

I valori massimi dovrebbero risultare tutti superiori ai 30°C con diversi valori prossimi a 35 ed alcuni addirittura prossimi ai 37-38°C. Il disagio da caldo risulterà piuttosto alto perché il caldo non risulterà completamente torrido, ma a tratti un po' afoso, dunque ancora più fastidioso.

Gli effetti della calura dovrebbero esaurirsi nel corso del fine settimana 19-20, quando di colpo ci sarà la rotazione dei venti da nord-ovest e tutta la massa d'aria calda verrà rapidamente evacuata.

Si tratterà dell'ultima fiammata di vero caldo estivo: certo al sud e marginalmente al centro potrebbero verificarsi a tratti altri richiami caldi ma non più di questa portata.

L'ondata di caldo in questione peraltro non è un segnale d'estate, bensì di vivacità atmosferica preatunnale, se la saccatura non avesse premuto alle porte del Paese, non si sarebbe affatto concretizzata.

 


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum