Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Buone notizie dalle foreste tropicali!

Secondo studi condotti da alcuni ricercatori dall'Università di San Paolo del Brasile, le aree verdi nel Sud America sono aumentate nonostante i forti periodi siccitosi degli ultimi anni. Gli studi evidenziano che gli ecosistemi sembrano meno vulnerabili ai brevi eventi di quanto prevedono i modelli.

In primo piano - 24 Settembre 2007, ore 10.53

Mentre le conferenze sul clima sono ormai all'ordine del giorno, con le solite notizie allarmanti sullo stato di salute del nostro Pianeta, giungono inaspettate buone notizie dalle foreste tropicali. Secondo i dati raccolti dai ricercatori dell'Università di San Paolo del Brasile, riferiti all'estate particolarmente arida del 2005 nella Foresta Amazzonica, si è notata una certa stabilità, almeno nel breve periodo, di questo delicatissimo ecosistema. Per questa ricerca sono state adottate tecnologie particolarmente avanzate, come il sensore orbitale Modis (Moderate Resolution Imaging Spectroradiometer) della Nasa, che fotografa la Terra nello spettro tra 0,4 e 14,4 micrometri. Analizzando le immagini provenienti dal satellite è stata notato un lieve aumento dalla superficie boschiva, in controtendenza rispetto ai modelli in uso che prefigurano la costante e inesorabile desertificazione della foresta amazzonica. In condizioni di carenza d'acqua le grandi foreste tropicali riducono la traspirazione e l'attività fotosintetica, l'evaporazione così tende a diminuire notevolmente rallentando la formazione delle nubi e conseguenze calo delle precipitazioni. I ricercatori tuttavia hanno constatato che questo effetto a catena potrebbe indurre un incremento nella produzione di clorofilla, poiché la diminuzione della copertura nuvolosa determina un aumento dell'irraggiamento solare. Una situazione che però si verificherebbe solo per le piante con radici profonde, in grado di sopravvivere assimilando l'acqua dal terreno anche in condizioni di siccità estrema. Lo studio indica che le foreste potrebbero risultare molto più resistenti alle variazioni climatiche di breve durata rispetto a quanto emerge dalle analisi ottenute tramite modelli matematici. Certamente gli ecosistemi continuano ad essere minacciati da molti fattori di stress, come la deforestazione e le altre attività umane, che si vanno ad aggiungere alla variazione delle condizioni climatiche naturali.

Autore : Luca Savorani

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum