Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Blocco anticiclonico ad est, depressioni ad ovest: chi vincerà?

Probabilmente saranno i campi di bassa pressione e le nubi a prendere il sopravvaneto; dovremo comunque attendere alcuni giorni prima di avere un cambiamento deciso del tempo.

In primo piano - 19 Novembre 2003, ore 11.22

In questi ultimi giorni sul Mediterraneo centrale e sull’Italia è andato affermandosi un campo di alta pressione piuttosto robusto, che tiene lontane le perturbazioni atlantiche, ma provoca anche nebbie diffuse; la corrente a getto polare infatti scorre velocemente da ovest ad est fra Isole Britanniche, Danimarca ed Estonia, per poi piegare leggermente verso sud, andando ad investire il Mar Nero. Siamo quindi in una situazione riconducibile ad un “flusso zonale” piuttosto alto, ossia una delle classiche situazioni meteorologiche che possono presentarsi durante l’autunno e che portano tempo stabile su buona parte della Penisola. Come già accennato qualche giorno fa, però la situazione sta nuovamente per cambiare; l’azione di una profonda depressione nel cuore degli Stati Uniti (dove si stanno formando violenti temporali, accompagnati in qualche caso da trombe d’aria, e seguiti da una notevole diminuzione della temperatura), provocherà la risalita di un campo di alta pressione verso nord sull’Atlantico occidentale, dove quindi si registrerà un graduale aumento della temperatura. Questo movimento innescherà la discesa di aria fredda di origine canadese e groenlandese nel bel mezzo dell’Oceano, dove quindi si svilupperanno perturbazioni sempre più intense, che a causa del loro naturale ince3dere verso est, gradualmente eroderanno il campo di alta pressione adesso presente sull’Europa occidentale. In un primo tempo (fra venerdì e sabato), le perturbazioni atlantiche non investiranno direttamente le nostre regioni, tuttavia la formazione della profonda saccatura in quota sulle coste atlantiche del continente europeo agevolerà la risalita verso nord-est della perturbazione che agisce ormai da 48 ore fra l’Algeria ed il Marocco. E’ lecito quindi attendersi un certo peggioramento del tempo su alcune delle nostre regioni (specialmente al centro-sud) proprio fra la serata di venerdì 21 e la giornata di sabato 22, con molte nubi e qualche pioggia di breve durata. La perturbazione africana infatti si presenterà piuttosto debole, a causa anche del tentativo del campo di alta pressione di resistere all’attacco della depressione. I corpi nuvolosi oceanici arriveranno invece sull’Italia solamente nella giornata di domenica, portando un peggioramento del tempo bene organizzato sul nord-ovest; nella giornata di lunedì invece nubi e piogge coinvolgeranno tutto il settentrione e la Toscana. Forse le precipitazioni nei giorni successivi faranno fatica a spingersi verso est, dato che l’anticiclone, ormai spostatosi sui Balcani, non avrà alcuna intenzione di abbandonare la posizione, generando forti venti caldi ed umidi, che in qualche modo rallenteranno sempre più l’avanzata verso est dei sistemi frontali. Per ulteriori dettagli nella previsione vi rimandiamo comunque ai prossimi articoli.

Autore : Lorenzo Catania

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum