Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Bel tempo e CALDO: quanto potranno durare sull'Italia?

L'anticiclone lungo lo stivale italiano potrebbe persistere sino alla prima decade di luglio, solo successivamente potrebbe farsi strada un cambiamento delle condizioni atmosferiche a partire dal nord. Vediamo nel dettaglio.

In primo piano - 25 Giugno 2015, ore 12.00

Proprio in questi giorni l'alta pressione tende a consolidarsi sul Mediterraneo, promettendo sin da subito d'essere una permanenza piuttosto lunga. Col passare dei giorni subentrerà persino un certo contributo africano che contribuirà a rafforzare la struttura anticiclonica alle quote superiori dell'atmosfera. Nonostante tutto, arrivano buone notizie per quanto riguarda la reale entità dell'ondata di calore prevista tra fine giugno e la prima decade di luglio sullo stivale italico; come era immaginabile, quest'ultima è stata infatti ridimensionata entro valori di normalità.

Anzi stando alle previsioni attuali, il "nocciolo duro" dell'heat wave africana resterebbe confinato alla Penisola Iberica e sui settori meridionali della Francia, mentre l'Italia, almeno in un primo momento, sarebbe interessata soltanto marginalmente dall'ondata di calura.

Nel periodo compreso tra lunedì 29 giugno e giovedì due luglio, il centro di calcolo americano stima infatti delle isoterme alla quota di 850hpa (circa 1500 metri) comprese tra +13°C e +18°C. I picchi più elevati sulla Sardegna e le regioni nord-occidentali, questi settori saranno più vicini al fulcro dell'alta pressione.

La calura potrebbe aumentare soltanto nel periodo compreso tra il primo weekend di luglio (sabato 4 - domenica 5) e mercoledì 8. Tale aumento della colonnina di mercurio sarebbe provocato dallo spostamento dell'onda mobile dell'alta pressione da ovest verso est, evento che precederebbe un certo peggioramento delle condizioni atmosferiche sui settori settentrionali del Paese proprio sul finire della prima decade. (giovedì 9 - venerdì 10).

L'evoluzione proposta oggi dall'americano appare verosimile ma lo ricordiamo, trattandosi di una previsione a lunghissimo termine, quest'ultima risulta afflitta da una percentuale ancora considerevole di incertezza. Se tale linea di tendenza dovesse essere confermata per molti aggiornamenti consecutivi, si potranno spendere senza dubbio due parole in più.


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum