Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

BASTA con le FANDONIE sul CLIMA! Crociata di MeteoLive contro la manipolazione delle coscienze (1)

Tutto viene condotto su dati spesso falsi o gonfiati e da un gruppo ristretto di scienziati che hanno strizzato l'occhio ai politici.

In primo piano - 21 Ottobre 2008, ore 11.04

La propaganda sui cambiamenti climatici ha maturato nelle coscienze di ognuno di noi l'idea di essere un NEMICO della natura. In pratica per il solo fatto di respirare e per soddisfare i nostri bisogni quotidiani dobbiamo considerarci INQUINANTI e sarebbe quasi meglio che non esistessimo. Il forte processo di inurbamento ci ha purtroppo resi IGNORANTI della natura e così abbiamo appreso una falsa nozione: la natura è in sè qualcosa di ARMONICO, STATICO, IMMUTABILE. I giovani non sanno più meravigliarsi di fronte ad un temporale, ad una nevicata, ad una grandinata e giudicano ogni evento meteorologico un po' più vivace quale risultato del trattamento che l'uomo riserva alla natura. La staticità è diventata sinonimo di buona salute, quando invece le nostre nonne quando ci vedevano seduti tranquilli da bambini ci dicevano: "starai mica male che sei lì tutto mogio?" Tutto viene ricondotto ad una media, come se la media indicasse la normalità. L'idea di una natura statica ci ha portato a costruire case sotto i vulcani, a realizzare campeggi lungo i fiumi e ad avere la pretesa di stabilizzare il livello dei mari. Dobbiamo cambiare radicalmente il nostro concetto di natura, altrimenti saremo sempre portati a pensare di essere veramente il cancro del Pianeta, come del resto ha voluto insegnarci il Protocollo di Kyoto: per costoro noi saremmo gli agitatori della natura statica, noi a provocare catastrofi, noi a sconvolgerne gli equilibri. La verità è che la natura è invece DINAMICA, che gli eventi che noi chiamiamo ESTREMI non solo fanno parte del suo DNA e sono sempre esistiti ma in fasi climatiche più fredde sono risultati anche più intensi e temibili. Per raggiungere l'obiettivo di spaventare ancor più l'opinione pubblica persino un evento naturale per eccellenza, "lo TZUNAMI", è stato strumentalizzato e utilizzato ad arte per far credere che l'uomo ne fosse stato diretto responsabile. Fa paura vedere come nei partiti politici legati al verde e all'ambiente manchi totalmente una preparazione scientifica e tutto si fondi sull'ideologia e su pochi dati, peraltro pilotati, inviati dalle agenzie di stampa di cui costoro si servono per diffondere il panico tra la popolazione. L'ansia da Global Warming per fortuna turba solo poche persone ma quasi tutte purtroppo sono convinte che l'uomo sia cattivo e la natura buona. Eppure l'uomo in passato ha inquinato ben più di oggi e il PROGRESSO, così tanto combattuto dai verdi, ha prodotto grossi benefici anche alla natura. Pensate ad esempio a quante foreste furono sacrificate per costruire le grandi navi che partivano alla volta degli States, oppure a quanto metallo in meno occorre oggi per costruire un grattacielo, per non parlare dei CD-ROM. Eppure di questi benefici apportati dal progtesso non si parla MAI. Come possiamo dire che l'ambiente una volta era sano quando solo agli inizi del secolo scorso la vita media non superava i 47 anni, si moriva di diarrea, poliomielite, polmonite, vaiolo e la gente si lavava poco e male? Ora: la temperatura del Pianeta dall'inizio del secolo è diminuita di un decimo di grado. Nessuno ne parla, nessuno ne tiene conto. Invece, per dare contro al Governo italiano, che sul documento dell'UE che costringerebbe a sacrifici enormi le aziende fino ad arrivare al taglio del personale, sono comparsi articoli di tutti i tipi per rincarare la dose tentando di cancellare con un colpo di spugna i dubbi di tutti: così sul Corriere ecco che improvvisamente la comunità scientifica in toto sembra dire: "il riscaldamento globale sta andando oltre le previsioni", in realtà a parlare sono stati una manciata di scienziati conniventi con i partitoni ambientalisti. La loro parola contro quella di altri 20.000 scienziati dissenzienti ma tacitati. Una minoranza emette sentenze scientifiche inappellabili. C'è davvero di che preoccuparsi. Nella seconda parte di questa pubblicazione vedremo perchè quello che ci raccontano sul cambio climatico è quasi totalmente falso.

Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum