Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Baleari : improvviso e incredibile meteotsunami colpisce Majorca e Minorca [VIDEO]

In primo piano - 17 Luglio 2018, ore 17.14

Raro meteotsunami si abbatte sulle isole Baleari. Fenomeno raro e incredibile. Disagi sulle spiagge.

Un'onda anomala si è abbattuta nella giornata di lunedi 16 luglio sulle isole Baleari, un fenomeno spesso accostato a terremoti che, a conti fatti, non ci sono stati. Un vero e proprio tsunami, alto ben 1.5 metri, ha invaso le isole Baleari tra Maiorca e Minorca scaturendo tanta paura tra i bagnanti e i turisti.

Nel video che vi mostriamo l'onda anomala ha investito Ciutadella, situata sulla costa occidentale di Minorca : le spiagge della località spagnola sono state invase dallo tsunami, il quale si è poi addentrato per diversi metri nel centro abitato. Insomma nulla a che vedere con le normali onde marine dettate dal vento! Il fenomeno era molto simile ai tipici tsunami che si scatenano dopo i terremoti in mare, ma in questo caso non c'è stato alcun terremoto. 

 

Si è trattato di un meteotsunami, un fenomeno raro e complesso che si verifica solo in presenza di una determinata serie di fattori che vedremo più avanti. Il meteotsunami ha invaso anche Maiorca dove ha causato disagi e ha allagato strade, bari e piani terra delle abitazioni. Non ci sono feriti fortunatamente.

 

IL METEOTSUNAMI - DI COSA SI TRATTA?

 

Si tratta di un fenomeno ancora misterioso per certi aspetti e soprattutto per realizzarsi necessita dell’incastro di numerosi fattori atmosferici. I meteotsunami solitamente si verificano al passaggio di grandi turbolenze (associate ad onde atmosferiche che si trasmettono rapidamente verso i bassi strati della troposfera). La presenza di queste turbolenze è fondamentale e possono svilupparsi nei pressi di vasti sistemi temporaleschi o fronti freddi che generano improvvisi sbalzi di pressione in mare aperto (in questo caso potrebbe essere stata la rapida ma potente perturbazione che ieri ha colpito il centro-nord Italia).

Gli sbalzi di pressione generano delle “onde barotropiche” che riescono a trasmettere la propria energia dall’atmosfera al mare (il tutto attraverso complessi meccanismi di risonanza).

Per la manifestazione di un’onda anomala legata alle condizioni meteorologiche è necessario raggiungere un perfetto equilibrio : la velocità di propagazione del fronte instabile deve essere simile a quella del moto ondoso, mentre i venti devono risultare contemporaneamente forti in alta quota ( da sud-ovest) e deboli al suolo in modo che le turbolenze discusse poc’anzi possano inserirsi senza problemi.

Dopo che si sono incastrati questi tasselli interviene la morfologia del territorio : per amplificare la risonanza è necessario che i fondali marini impennino bruscamente in prossimità della costa mentre il litorale deve essere costituito da baie strette e lunghe. Queste caratteristiche del suolo sottomarino e del litorale sono fondamentali per la realizzazione di un’onda anomala in piena regola, talvolta anche distruttiva.

 

Insomma si tratta di fenomeni decisamente interessanti e rari, sebbene negli ultimi decenni ci sono stati diversi avvistamenti di meteo-tsunami in vari punti del pianeta. Onde anomale che potremmo paragonare ai “maremoti” date le diverse caratteristiche in comune ( da qui il termine meteo-tsunami), ma che naturalmente non sono assolutamente collegati ai movimenti tellurici del sottosuolo.

 


Autore : Redazione MeteoLive.it

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum