Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Arriva la sabbia dal deserto? I ghiacciai si sciolgono più in fretta

Alcuni ricercatori americani hanno portato a termine una serie di studi che dimostrano quanto il fenomeno possa assumere connotati rilevanti anche sulle nostre Alpi.

In primo piano - 23 Febbraio 2010, ore 15.50

Lo studio è partito dalle Montagne Rocciose americane e in particolare dal Colorado. Un team di ricercatori appartenenti al National Snow and Ice Data Center hanno constatato l'azione abrasiva della sabbia desertica sulle superfici innevate dei ghiacciai montani. La loro attenzione si è concentrata sulle San Juan Mountains dove sovente giungono grosse quantità di sabbia trasportata via eolica dal Colorado Plateau che si trova 200 miglia più a ovest. La presenza di questa sabbia scura, soffiata dai venti occidentali provenienti dal Pacifico lavorati da un forte e costante effetto favonico, rende i nevai più fragili e capaci di resistere sulle montagne circa un mese all'anno in meno rispetto a quanto accadeva fino a qualche decennio fa. Tom Painter, membro dell'Nsidc, in un articolo pubblicato sulla rivista online Geophysical Research Letters rende noti i meccanismi di questo fenomeno. In sostanza l'effetto albedo prodotto dal candore del manto nevoso verrebbe meno a causa della presenza di questo elemento estraneo. La sabbia infatti assorbe maggiormente la radiazione solare trasferendo energia e calore alla sottostante superficie nevosa provocandone lo scioglimento. "Il fenomeno di per sè era già conosciuto", prosegue Painter "ma non in questa dimensione: siamo di fronte ad un fenomeno che cresce ad una velocità impressionante". La causa dell'accentuazione di questo fenomeno sarebbe da imputarsi all'aumento della superficie arida che circonda la catena montuosa in esame. Al di fuori del Nord America però analoghe osservazioni hanno riscontrato esiti simili, e tra i grandi massicci montuosi mondiali sono comprese anche la catena dell'Himalaya nonchè quella alpina. In questi casi si tratterebbe però di ripercussioni indirette dovute a specifiche situazioni sinottiche. Sulle Alpi in particolare, la comprovata diminuzione delle precipitazioni e l'aumento dei periodi anticiclonici renderebbe più vulnebabile la superficie dei ghiacciai esponendola per più tempo all'erosione eolica e a quella prodotta appunto dal deposito delle sabbie sahariane, talvolta trasportata dallo scirocco nelle sempre più rare situazioni perturbate.

Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 15.13: A10 Genova-Ventimiglia

controllo-velocita

Controllo di polizia nel tratto compreso tra Finale Ligure (Km. 63) e Orco Feglino (Km. 59,4) in..…

h 15.02: A26 Genova-Gravellona Toce

vento-forte

Vento forte nel tratto compreso tra Allacciamento A10 Genova-Ventimiglia e Masone (Km. 14) in ent..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum