Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Arriva la NEVE al nord e in Appennino: perchè allora tanti dubbi?

I lettori ci pongono quasi tutti lo stesso interrogativo.

In primo piano - 24 Gennaio 2014, ore 10.35

Neve in pianura si, neve in pianura no:

1 intanto veniamo da un periodo mitissimo e con i terreni caldi che restituiscono calore non è che ci sia un ambiente propriamente ideale per accogliere la neve. 

2 è importante che l'aria si secchi senza scaldarsi troppo. E' comunque vero che non ci saranno rimonte di cunei anticiclonici tali da favorire un rialzo termico esagerato.

3 il freddo vero presente sull'est europeo non riuscirà ad inserirsi in modo diretto sul nostro Paese e la preparazione all'evento nevoso di mercoledì 29 al nord avverrà solo nelle ore immediatamente successive all'evento stesso. Potrebbe essere determinante un richiamo di venti da est nei bassi strati in Valpadana causato dall'avvicinamento della depressione, che pescheranno un po' d'aria fredda presente sui Balcani, mescolandola con il richiamo sciroccale, mantenendo le termiche in pianura vicine allo zero.

4 il modello americano non appare ancora completamente convinto dell'ingresso frontale così stretto per la giornata di mercoledì 29, anche se mediamente lo sono le corse del modello GEFS, suo "parente" diretto. Rispetto al modello inglese, l'americano si mostra meno stabile, ma l'inglese qualche volta si adegua alla soluzione magari diversa dell'americano anche solo 24 ore prima di un evento perturbato importante (celebre il caso dell'11 febbraio 2013, con la grande nevicata prevista, trasformata in un episodio modesto da un minimo pressorio basso, così come prevedeva gfs, che anche nella precedente occasione del 17 gennaio 2013 era giustamente risultato più parco nel distribuire fiocchi rispetto al modello inglese, vincendo la sfida).

5 facciamo un passo indietro: è ancora tutta da valutare l'evoluzione tra lunedì e martedì. Lì ci saranno già delle nevicate a quote interessanti lungo la dorsale appenninica del centro tra Toscana, Umbria, zone interne di Marche, Lazio sino a 300-500m, e su Emilia-Romagna e Triveneto tra lunedì sera e martedì i fiocchi potrebbero guadagnare i 200m se non la pianura, almeno a tratti, sottoforma di rovesci.

6 proprio nel passaggio del minimo tra lunedì 27 e martedì 28 dovrebbe affluire sul Paese aria ulteriormente fredda di estrazione artica marittima, mescolata con refoli di polare continentale sull'alto Adriatico. Un forte Maestrale colpirà il Tirreno.

7 un punto a favore della nevicata sarà il contributo convettivo alle precipitazioni, che scaricherà al suolo aria fredda supplementare.
 
8 si prepara un altro evento nevoso al nord per sabato 1° febbraio, che potrebbe poi far visita alle regioni dell'Appennino centrale, deliziandole con nevicate altrettanto importanti sino a quote collinari. Neve chiama neve dice il detto...

 


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum