Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Aprile continua a stupire, mezza Italia sotto la PIOGGIA

Il lungo treno di perturbazioni inviato dalla grande depressione stabilitasi da giorni sul vicino Atlantico si chiude con un degno finale. Al nord e al centro sono attese precipitazioni talora copiose e temporalesche. Nuova neve in vista per le Alpi

In primo piano - 21 Aprile 2008, ore 10.16

E' durata giusto la finestra di un fine settimana la pausa di riflessione di un aprile che sa molto di anni '70. L'ultima delle perturbazioni sfornate in questi giorni dall'Atlantico ha intenzione di completare in grande stile l'importante opera di ripristino delle falde iniziata dai copri nuvolosi che l'hanno preceduta. Non solo. Le Alpi, dopo il periodo di apprensione vissuto nel febbraio scorso, hanno ritrovato ultimamente il loro smalto bianco e custodiscono ora una preziosa e abbondante riserva che ci fa guardare alla prossima estate con una giustificata serenità. Atlantico in gran forma dunque. Non cosi gli anticicloni i quali ancora latitano permettendo alle correnti perturbate di fare il bello e il cattivo tempo (più il brutto!). La situazione attuale vede un'ampia circolazione depressionaria centrata sul golfo di Biscaglia accompagnata da vari minimi secondari. L'orografia e l'inclinazione dell'asse verticale del vortice sono all'origine di un complesso sistema frontale centrato in pieno sulle nostre regioni settentrionali. L'aria fredda di origine polare marittima che segue la perturbazione principale seguiterà ad inviare impulsi di aria fresca e instabile che manterrà attiva una spiccata variabilità anche nella giornata di martedi. Potremo infatti avere ulteriori precipitazioni (sparse e non più estese) sia al nord, in modo particolare sui settori centro-orientali e sulle Alpi, ma anche al centro, segnatamente su Toscana, Umbria e Lazio. Al nord-ovest la rotazione delle correnti dai quadranti nord-occidentali permetterà ampie schiarite ma l'aria ancora molto umida e instabile potrà favorire qualche focolaio temporalesco con isolati rovesci a sorpresa, soprattutto nel pomeriggio-sera. Il transito dell'asse di saccatura determinerà poi l'allontanamento della struttura perturbata verso levante permettendo l'affermazione di un miglioramento più deciso nella giornata di mercoledi al nord e, a fine giornata, anche al centro. Qualche pioggia si farà strada invece al sud ma seguirà un rapido migliormento accompagnato da un generale calo delle temperature.

Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum