Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Anticiclone nord-africano, tornerà a farci visita questa estate?

Per il momento sembra improbabile la sua presenza costante sull'Italia ma potrebbe comunque proporre qualche apparizione transitoria.

In primo piano - 19 Aprile 2013, ore 11.00

Chi di noi sentendo parlare dell'anticiclone africano non prova un certo timore? I ricordi estivi vanno subito all'indimenticato 2003. Da allora però diverse cose sono cambiate e, soprattutto, al momento risulta davvero difficile che tanti fattori concomitanti vadano ad incastrarsi perfettamente come in quella anomala situazione, riportando sul Mediterraneo un'estate rovente bis.

Lasciando da parte la statistica, che comunque ha un suo peso nel calcolo dei tempi di ritorno di taluni record e che ci risparmierebbe già di suo per almeno 80 anni, dobbiamo analizzare la situazione circolatoria contingente e trarre gli opportuni suggerimenti.

L'elemento saliente che sembra dar connotato singolare alla prossima stagione è la permanenza di una traiettoria piuttosto meridionale della storm track. Cosa significa? Vuol dire che il corridoio principale ove transitano le grandi perturbazioni rimarrà con buona probabililità a latitudini più meridionali della norma. Questo farà in modo da scongiurare un'invadenza determinante dell'alta pressione nord-africana sul Mediterraneo e sull'Italia.

Di quando in quando il ciclope dell'estate rovente tenterà comunque di proporsi, probabilmente a cavallo tra la fine di luglio e la prima parte di agosto, salvo poi andare a parare sulla penisola Iberica, lasciando l'Italia in balia di correnti più fresce settentrionali.

C'è però ancora da considerare il Monsone Africano, anch'esso importante tassello per la nostra analisi. Al momento non è possibile ancora delineare le mosse del Monsone. Essendo però la sua forza sufficiente a spingere verso nord l'ITCZ, e di conseguenza, anche la traiettoria delle perturbazioni, sarà buona norma tenerlo ben monitorato fin dal mese di giugno, ovvero al momento della sua naturale partenza. 

L'estate però è lunga e tutto può succedere. Ritorneremo più avanti sul discorso aggiornando la nostra chiacchierata per capire l'evoluzione successiva e sperando sempre in una stagione che possa rivelarsi equilibrata e gradevole per tutti.


Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum