Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Anticiclone di inizio settimana: che fine farà il nostro FREDDO?

Una figura di ALTA pressione riporterà condizioni atmosferiche stabili già a partire da lunedì 4 dicembre, soprattutto sulle regioni settentrionali. Il freddo affluito sul nostro territorio nazionale tuttavia non sarà destinato ad abbandonarci completamente, vediamo perchè.

In primo piano - 2 Dicembre 2017, ore 18.00

Il mese di dicembre, quello dalle giornate più corte dell'anno, il mese che dà il via alle dinamiche di stampo invernale non soltanto alle alte latitudini ma anche sulla Mitteleurope e talvolta persino sul nostro Paese. Questo inizio di dicembre 2017, con le sue nevicate sino in pianura al nord ed il freddo pungente che si fa sentire su molte delle nostre regioni, è qui per ricordarcelo. A livello sinottico ritroviamo un potente flusso d'aria artica che dalla Penisola Scandinava si dipana verso il Mediterraneo, laddove troviamo una figura di bassa pressione che dalle prossime ore tenderà a colmarsi piuttosto rapidamente, lasciando spazio ad un miglioramento del tempo favorito dall'imposizione di una figura altopressoria. 

Il cuore caldo del nostro anticiclone non sarà tuttavia destinato a coinvolgere in maniera diretta il nostro Paese; l'incremento del gradiente alle elevate latitudini avrà una durata troppo limitata da consentire alle masse d'aria molto miti che risiedono nella fascia delle medie latitudini dell'oceano Atlantico di espandersi in modo netto verso il nostro Paese, limitandosi ad interessare i settori più occidentali d'Europa (UK, Francia occidentale, Penisola Iberica). 

La sua influenza si farà sentire sul nostro Paese soprattutto attraverso un processo di sedimentazione dell'aria fredda che si verificherà sulla Valpadana, laddove sono previste almeno un paio di giornate di nebbie ed inversioni termiche. Tale processo di sedimentazione è favorito non soltanto da una situazione pregressa di freddo ed instabilità (la fase fredda artica attualmente in corso) ma anche dal periodo stagionale particolarmente favorevole. Siamo infatti nel periodo dalle giornate più corte dell'anno, il sole è veramente basso all'orizzonte ed è sufficiente un semplice innalzamento dei geopotenziali alla quota di 500hpa per favorire processi di stratificazione delle masse d'aria in troposfera. 

Le inversioni termiche previste sulla Valpadana saranno insolitamente fredde, ciò è intuibile nell'analisi dei valori termici sul piano isobarico di 850hpa (circa 1500 metri) laddove ritroveremo valori attorno allo zero gradi. Nelle zone più esposte saranno possibili episodi di nebbia congelantesi. Relativamente più mite lungo le coste, con nuvolosità di tipo basso. 

Tali condizioni dovrebbero accompagnarci da lunedì 4 novembre sino a giovedì 7, poi vi sarà un nuovo cambiamento. 

Seguite gli aggiornamenti su meteolive.it


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 09.03: A4 Milano-Brescia

coda rallentamento

Code causa traffico intenso a Svincolo Sesto San Giovanni-Viale Zara (Km. 138,5) in uscita in dire..…

h 08.59: SS36 Del Lago Di Como E Dello Spluga

incidente rallentamento

Traffico rallentato, incidente a 699 m prima di Incrocio Carate Brianza (Km. 22,3) in entrambe le..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum