Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Angelini: si ripristina il flusso atlantico ma l'inverno presto si rifarà vivo

Tradizionale chiacchierata con i redattori di Meteolive

In primo piano - 27 Novembre 2007, ore 08.38

REDAZIONE: Angelini, anzitutto benvenuto nel team di Meteolive. ANGELINI grazie. Avere intrapreso questa splendida avventura mi rende davvero elettrizzato. La carne al fuoco è davvero molta ma l'ambiente positivo, giovane e stimolante mi ha facilitato l'inserimento e l'apprendimento. REDAZIONE: veniamo a noi, la scorsa settimana l'autunno ha sfoggiato una dimostrazione di forza soprattutto al centro-nord, ora cosa bolle in pentola? ANGELINI il Mediterraneo nell'arco degli ultimi due mesi è stato oggetto di ripetute incursioni da parte delle irruzioni artiche che hanno trovato terreno fertile all'approfondimento depressionario a causa delle temperature superficiali del mare quest'anno sotto alla norma. La confluenza con il getto subtropicale che spesso si è alzato dal nord-Africa, ha agevolato l'attivazione dei contrasti tra masse d'aria d’aria molto diverse la cui miccia ha innescato le piogge intense al nord e su parte del centro. REDAZIONE: ora pare che l'anticiclone delle Azzorre abbia tutta l'intenzione di dire la sua. ANGELINI: esattamente. Il ciclope atlantico ha ricevuto una spinta notevole verso nord a causa del recente innalzamento della linea di convergenza intertropicale ( ITCZ) ma non è tutto. L'accelerazione della corrente a getto polare ha rimesso in moto la circolazione lungo i paralleli aprendo la via dell’Atlantico ma i flussi perturbati tendono ad assumere traiettorie molto settentrionali, sufficienti appena a sfiorare le Alpi e marginalmente il nostro versante adriatico. Morale il nostro anticiclone sarà invitato a nozze per allargarsi verso l'Europa occidentale ma il suo progetto di conquista andrà in porto solo parzialmente. REDAZIONE: e l’inverno tanto paventato dagli indici oceanici? ANGELINI: le condizioni per un inverno rigido e nevoso c'erano e ci sono tuttora. Bisogna senz'altro ricordare però che siamo ancora in autunno ed è giusto che le stagioni debbano fare il loro corso naturale. A questo proposito citerei la presenza di un minimo depressionario nord-africano che impegnerà nei prossimi giorni il centro-sud riportando l'autunno laddove lo scirocco aveva fatto impennare oltremodo i termometri ma non è tutto; il vortice dovrebbe fungere da esca per una saccatura in avvicinamento dal nord-Atlantico intorno al weekend. REDAZIONE: cosa ci dobbiamo aspettare all'ingresso dell'inverno meteorologico? ANGELINI: le carte a nostra disposizione suggeriscono l'ingresso di una debole perturbazione atlantica che impegnerà il centro-nord a cavallo del fine settimana. In seguito potrebbe verificarsi un rallentamento del flusso zonale tra il 7-8 dicembre. L'indice NAO (misura la differenza di pressione ai due capi dell'Atlantico) dopo l'impennata di questi giorni mostrerà infatti una progressiva discesa e soprattutto l'indice AO (misura la potenza del vortice polare in sede artica) subirà un vero tracollo. REDAZIONE: cosa significa? ANGELINI significa che potrebbe bloccarsi nuovamente l'Atlantico e andrebbe nuovamente ad instaurarsi una disposizione meridiana dei flussi. L'indice AO cosi basso indicherebbe inoltre un affondo vigoroso dell'aria fredda che agevolerebbe la ciclogenesi a latitudini molto basse. Detto in soldoni il freddo potrebbe arrivare entro la prima decade di dicembre ma la neve in questo frangente vedrebbe favorite le regioni adriatiche e il sud mentre il nord potrebbe apprezzarla solo in un secondo tempo e tutto dipenderà dalla resistenza del cuscino freddo nei bassi strati agli ingressi di aria più umida e mite che subentrerà in quota.

Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum