Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Anche un CLIMA più FREDDO contribuì alla caduta di Roma

Alla grandezza di Roma ha contribuito anche il clima mite. Alla sua decadenza soprattutto l'inquinamento da piombo e anche un probabile raffreddamento climatico.

In primo piano - 31 Ottobre 2018, ore 10.03

Avrete senza dubbio osservato l'abbigliamento degli antichi romani in decine di film. Tutto si può dire fuorchè fossero molto coperti o temessero il freddo. Eppure le stagioni si avvicendavano anche allora. Le temperature però erano mediamente più elevate rispetto ad oggi, anche di 2.5°C. Questo ovviamente si traduceva in inverni particolarmente miti e in periodi molto caldi nelle stagioni primaverili ed estive.

Gli studi geologici sono arrivati a stabilire che tra il 200 a.C ed il 600 d.C si può collocare il periodo mite meglio noto come ROMAN WARMING, successivamente il clima scivolò verso un periodo freddo che si spinse sino al 900 d.C e che probabilmente fu all'origine diretta ed indiretta della decadenza dell'Impero. Si segnalano inoltre numerose situazioni alluvionali che portarono alla tracimazione a più riprese del Tevere, le intense gelate notturne e anche probabili nevicate.

Certo tra le cause principali della decadenza dell'impero pare ci sia soprattutto l'inquinamento da piombo (presente in molti materiali), che influisce anche sulla fertilità femminile. Il corpo umano può tollerare solo dosi minime di piombo senza intossicarsi. (fino a 2 milligrammi). Il piombo che si accumula nel corpo viene trattenuto dal sistema nervoso centrale, nelle ossa, nel cervelllo.

In ogni caso sono molti gli storici a ritenere che il raffreddamento delle condizioni climatiche portò i popoli del nord e dunque i barbari ad invadere ROMA e a porre fone al suo dominio. (causa indiretta) Per completezza di informazione prendiamo in esame l'evoluzione del clima nell’ULTIMO MILIONE di anni (quaternario).

Si ritrovano 4 glaciazioni nel Pleistocene, il periodo più antico:
-GUNZ 600 mila anni fa
-MINDEL 480 mila anni fa
-RISS 280 mila anni fa
-WURM 40 mila anni fa L’ultima termina 20.000 anni fa.
Ci fu l'effimero raffreddamento noto come Younger Dryas 12.000 anni fa.

Dall’8000 al 4000 si parla di primo optimum climatico (3°C più di oggi). Dal 4000 al 3000 si è vissuto un periodo più fresco (comunque 2°C più di oggi)

Dal 3000 al 2200 di nuovo più caldo (2-5°C più di oggi) Dal 2200 al 500 più fresco (1.8°C più di oggi)
Dal 500 a.C all'800 d.C altalena climatica con sbalzi anche vistosi, come abbiamo visto sopra.
Dall'800 al 1430 ecco l'optimum climatico medievale. Dal 1430 al 1850 PEG ecco la piccola età glaciale.

Gli ultimi 150 anni hanno segnato un progressivo aumento delle temperature, pur con una pausa tra il 1960 ed il 1975 ascritta quasi esclusivamente all'Europa, che ci ha portato a guadagnare circa un grado su scala emisferica, anche molto di più su scala locale.


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum