Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Anche l'alta pressione ha le sue nuvole

Con l'alta pressione arriva il bel tempo, ma ciò non toglie che il cielo possa essere solcato da banchi nuvolosi anche a quote differenti. Ecco come capire quando l'alta pressione ci porterà le nubi o il sole.

In primo piano - 31 Gennaio 2013, ore 08.52

 Fisicamente un campo di alta pressione posto a tutte le quote dell'atmosfera, identifica una massa d'aria subtropicale che risale verso le medie latitudini avvitandosi verso il basso in senso orario. Gli anticicloni sono dunque immaginabili come enormi "palloni" di aria calda (calda rispetto alle zone adiacenti).

L'aria calda può contenere più umidità di quella fredda, ecco così che lungo i bordi dei nostri anticicloni vanno a scivolare frange nuvolose che a volte possono oltrepassare l'asse del promontorio, ovvero penetrare nel settore ove il cielo dovrebbe di norma, presentarsi sgombro da nubi. Si tratta di filamenti di aria calda in quota derivanti dalle code periferiche di soggetti sinottici solitamente legati a depressioni adiacenti con passaggio di fronti caldi in quota o di fronti caldi staccati.

In entrambi i casi (nel fronte caldo staccato la banda nuvolosa si stacca dal fronte caldo e ruotando in senso orario perviene dai quadranti settentrionali) avremo nuvolosità stratiforme anche estesa, seppur sottile e, se non attivata dal eventuali forzanti orografiche, anche innocua. Nel caso questo flusso scavalchi una catena montuosa può dar luogo alla formazione di estesa nuvolosità medio-alta nota come "lee cloud", ovvero nubi sottovento.

Nella formulazione delle previsioni andrà dunque sottolineata la presenza di questa nuvolosità, pena l'errata percezione da parte della gente che, sentendo parlare di alta pressione, pensa subito a sole e a cieli sereni.

Altro caso: le alte pressioni possono portare nuvolosità alta ma non solo. L'effetto compressione dovuto alle correnti discendenti dale quote superiori (subsidenza) ha un limite che può variare dal suolo fino alle quote medie dell'atmosfera. In altre parole, un'alta pressione la cui spinta discendente non sia particoarmente intensa, può fermarsi ad alcune centinaia di metri dal suolo e qui andare a formare uno strato di inversione.

Questa sarà la quota alla quale si andranno formando ciottoli di nuvolosità stratiforme, la cui struttura (più o meno organizzata) dipenderà la taglio di vento sopra e sotto l'inversione stessa. In alcuni casi, specialmente nel semestre invernale, questi agglomerati nuvolosi potranno addirittura portare deboli piogge o pioviggini (nevischio se con temperature ambiente sotto lo zero). Il sole? Appena al di sopra, con le cime delle montagne ben immerse nell'alta pressione ad ammirare dall'alto questo immenso mare di nubi.

 

 


Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 17.55: A14 Pescara-Bari

blocco incidente

Tratto chiuso causa incidente nel tratto compreso tra Pescara Ovest-Chieti (Km. 380,8) e Pescara Su..…

h 17.54: A51 Via Raffaele Rubattino incrocio Tangenziale Est Di Milano

coda rallentamento

Code a tratti causa traffico intenso nel tratto compreso tra Svincolo Linate: V.Le Forlanini-Sp14 R..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum