Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

AMBIENTE, gli speciali di METEOLIVE: Campo Tures (BZ) è in pericolo?

Possibile che la storia non abbia insegnato nulla?

In primo piano - 27 Agosto 2010, ore 16.28

Non è passato certo inosservato l'enorme striscione che il Comitato per la salvaguardia dell'Aurino (www.sos-ahr.org) ha piazzato su un maso poco sopra l'abitato di Campo Tures, la famosa località di vacanza altoatesina. 

L'occhio del turista ha colto il problema, ha indagato, si è indignato, ha protestato, sostenendo il comitato a gran forza. Cosa potrebbe accadere di grave a Campo Tures? Cosa c'è che non va? Ho incontrato allora uno dei promotori dell'iniziativa di tutela del fiume e della popolazione che gli vive intorno: il determinato Dr Gregor Janach.

Il Dr Janach nei pressi del quartiere San Maurizio mostra orgoglioso la maglia che ricorda la manifestazione a tutela dell' Aurino tenutasi il 24 aprile in località San Maurizio a Campo Tures.

 "Vogliono sventrare la montagna per dar vita all'ennesima centrale idroelettrica che metterebbe a rischio non solo l'integrità dell'Aurino, ma anche del quartiere San Maurizio a Campo Tures".




Gregor mi spiega che "l'Aurino possiede sei zone importanti di salto idroelettricamente utilizzabili, di cui alcune vengono già utilizzate, una è in fase di realizzazione a San Pietro, mentre le altre sono in fase di progettazione".

Mi mostra le mappe: " scaverebbero una galleria di diametro 3,2mt e dalla lunghezza di 2800m, che scorre nella montagna, dietro al Castello di Tures e giunge in variante 1 a San Maurizio o in variante 2 a Cantuccio di Tures. Il tracciato della galleria si trova in una zona non stabile, inserita nel catasto delle zone a pericolo di smottamento". Mi guarda con aria preoccupata.



Gregor e i promotori dell'iniziativa di tutela dell'Aurino hanno elencato 10 valide ragioni per dire NO con forza a questo folle progetto, ve le elenchiamo:

  1. La realizzazione di questa centrale provoca un enorme pericolo di frane in caso di rottura della conduttura principale soprattutto per la frazione di San Maurizio Cantuccio e Campo Tures
  2. Il comune sarà declassato come zona ad alto rischio, con conseguenti premi assicurativi più alti ed il calo dei valori degli immobili in zona
  3. La destinazione turistica Campo Tures subirà un sensibile calo
  4. La realizzazione della centrale ha per conseguenza la definitiva e irreversibile distruzione della natura e dell’ambiente del torrente
  5. Consideriamo l’enorme perdita della qualità della vita della popolazione
  6. I guadagni dalla produzione d’energia elettrica non sono affatto destinati ai cittadini
  7. Gli oneri per la realizzazione sono invece a carico dei cittadini ossia l`incentivo erogato per le fonti rinnovabili è ricavato dalle bollette della luce.
  8. Il paese sarà sopraffatto da cantieri di enormi dimensioni tra trasporto, movimenti di terra e rocce, macchinario pesante, galerie e movimenti nel bacino dell’Aurino.
  9. Si avranno più rischi per la salute particolarmente la popolazione che vive in prossimità della centrale e degli impianti elettrici
Il Dr Janach mi spiega che "ci troviamo di fronte all’offensiva totale della lobby idroelettrica che concorre allo sfruttamento delle ultime risorse in zona ovvero l’Aurino ed i suoi affluenti. Infatti il potenzionamento del settore idroelettrico non costituisce una necessità per causa di carenza di energia elettrica, ma anzi è più che mai solamente più un oggetto di speculazione economica di soggetti orientati esclusivamente al profitto".
 


"Il traguardo postosi dalla Provincia Autonoma di Bolzano di diventare energeticamente autonomi dalle fonti convenzionali fino al 2020, è in realtà una buona giustificazione sia per i Comuni locali che per gli investitori privati per il loro assalto ai ruscelli ed ai fiumi - alle ultime risorse naturali – Ciò ovviamente a costo della distruzione definitiva del nostro. amatissimo ambiente, a costo dei cittadini e certamente a sfavore del turismo, una delle colonne portanti della nostra economia". Conclude Gregor.

Cosa fare dunque? Tutelare l'Aurino.
La delibera della Prima Commissione per la Tutela del Paesaggio è pubblicata per trenta giorni sull'albo pretorio del Comune di Campo Tures, in questa fase relative osservazioni e/o ricorsi da parte della Lobby energetica  possono essere presentati al Comune.

Dopo il periodo di pubblicazione sull'albo pretorio comunale, la pratica è approvata o respinta dalla Giunta Provinciale in qualità di istanza suprema.

In base alla scelta che la Giunta Provinciale farà (esprimersi favorevole o contraria alla tutela dell'Aurino) sapremo se il Torrente Aurino sarà ufficialmente protetto o no.
Intanto c'è una minaccia di denuncia da parte del sindaco contro il comitato, per l'esposizione dello striscione a sostegno dell'Aurino.

 


Autore : di Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum