Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Alta pressione e inversioni termiche: terreno fertile per L'INQUINAMENTO nelle nostre città

Eccoci nuovamente a parlare di stabilità ed inquinamento...

In primo piano - 18 Febbraio 2019, ore 09.43

Inversione termica: fenomeno in cui il freddo, l'umidità e purtroppo anche le sostanze inquinanti restano intrappolate a livello del suolo. Il fenomeno si verifica soprattutto sulle pianure ed è coadiuvato dall'assenza di ventilazione.

Come mai il freddo resta intrappolato al suolo, senza sfuggire verso la quota? Colpa dell'alta pressione! Oltre a determinare bel tempo, assenza di precipitazioni e temperature anche miti, la figura stabilizzante si comporta come un coperchio.

La via di fuga verso le alte quote da parte delle masse d'aria viene pregiudicata e vengono privilegiati gli scambi dall'alto verso il basso. Le alte pressioni che solitamente incombono sull'Italia sono chiamate alte pressioni dinamiche. In un' alta pressione dinamica, l'aria in quota non è mai fredda, anzi, in alcuni casi può essere addirittura tiepida.

L'assenza di moti verticali dal basso rende il cielo pressochè sereno. Questo facilita l'irraggiamento notturno, o meglio il raffreddamento del terreno, che perde progressivamente calore con il passare delle ore. Lo strato di aria più tiepida presente in quota si comporta come un muro invalicabile, un coperchio oltre il quale l'aria fredda irraggiata dal terreno non può andare.

E' palese quindi che tutto il freddo irraggiato dal terreno resti intrappolato nei bassi strati atmosferici, favorendo nebbie e brinate a livello del suolo. E' la famosa inversione termica. Basta sollevarsi di poche centinaia di metri per trovarsi immersi in un tepore insolito, dovuto appunto all'aria calda presente negli anticicloni.

Il fenomeno dell'inversione termica è inoltre favorito dalla diversa densità e dal diverso peso delle due masse d'aria. L'aria più fredda è pesante e tende perciò a "cadere" verso il basso. L'aria calda invece è più leggera e tende a sovrastare la massa fredda sottostante.

L'alta pressione, oltre ad intrappolare nei bassi strati freddo, nebbia ed umidità, facilita anche l'accumulo degli inquinanti specie nelle grandi città. Ecco perchè ad un fenomeno di inversione termica spesso si associa un aumento delle sostanze tossiche a livello del suolo, come sta avvenendo in questi giorni. 

Infatti un INQUINAMENTO altissimo persiste da 3/4 giorni sulla Pianura Padana, in particolare sulle aree di pianura di Lombardia e Veneto, dove si segnalano valori di particolato (PM2.5) intorno a 70-100 µg/m³.

In particolare a Milano siamo intorno a 60-80, mentre nei dintorni di Venezia il picco supera i 100. Facciamo notare che il limite massimo di legge è di 25 µg/m³.

Il particolato è subdolo perchè difficile da percepire, tuttavia con valori superiori a 80 è come se fumassimo più di 5-10 sigarette al giorno, bambini e anziani compresi.

Nei prossimi giorni è prevista una sostanziale situazione di stabilità con lievi diminuzioni a tratti, ma per un ricambio d'aria efficace è necessario attendere almeno fino a sabato o domenica.


Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum