Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

ALTA PRESSIONE: come mai sul Tirreno si formano le NUBI BASSE e in Adriatico le NEBBIE?

Analizziamo un fenomeno curioso che solitamente avviene in Italia nel semestre freddo quando sul Mediterraneo è presente un'alta pressione invecchiata.

In primo piano - 12 Novembre 2015, ore 14.48

Sull'Italia domina un robusto campo di alta pressione, ma il cielo non è del tutto sereno. A parte le nebbie presenti sulle pianure e nelle valli interne di notte e al mattino, l'immagine satellitare ci mostra da qualche giorno un tappeto di nubi basse presente sul Tirreno.

Esso fa da controaltare ad un secondo "tappeto" brumoso, che è presente in Adriatico, ricettacolo di nebbie che avvolgono anche i litorali e il mare aperto.

Come mai sul Tirreno si formano le nubi basse e in Adriatico le nebbie? Per rispondere a questa domanda usiamo l'ultima immagine satellitare di questo pomeriggio (giovedì), scattata nel campo del visibile.

Esaminando il Tirreno, si nota che la nuvolosità bassa responsabile della "Maccaja" in Liguria e delle nubi basse sui restanti settori occidentali (Sardegna compresa) risulta spesso organizzata in piccoli vortici.

Per comodità ne abbiamo evidenziati tre; all'interno di queste piccole anse depressionarie presenti a livello del suolo i venti assumono una circolazione antioraria; di conseguenza la nuvolosità diventa più turbolenta, invadendo in parte anche le quote medie. In occasione degli addensamenti più intensi si posso avere anche pioviggini o deboli piogge.

Questi vortici si formano per due motivi: 1) la presenza di un mare sottostante ancora abbastanza caldo; 2) l'impatto dei venti (seppur deboli) sulla Sardegna, sulla Corsica e sulle Isole minori. Ciò crea un effetto di "intralcio" al normale fluire della ventilazione, generando piccoli "mulinelli" con rotazione antioraria del vento. Queste piccole depressioni forniscono maggiore turbolenza allo strato brumoso che si forma, scoraggiando la formazione di nebbie negli strati prossimi al suolo.

L'Adriatico è un mare troppo piccolo per formare questi vortici. La mancanza di isole non distorce il normale fluire delle correnti al suolo e le temperature più basse degli specchi d'acqua sottostanti conferiscono una turbolenza quasi nulla.

Lo strato brumoso che si forma (per scorrimento di aria più calda su un mare già abbastanza freddo) può quindi adagiarsi al suolo, formando densi banchi di nebbia che poi invadono i litorali specie di notte e al primo mattino.

La turbolenza quasi nulla non consente uno sviluppo in altezza dello strato brumoso sopramenzionato. Di conseguenza tutta la condensazione avverrà in basso, con l'inevitabile formazione della nebbia.


Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 01.17: A4 Milano-Brescia

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Dalmine (Km. 169,8) e Capriate (Km. 162,7) in direzione Milano..…

h 01.06: TG-BO Tangenziale Di Bologna

problema

Mezzi spargisale in azione nel tratto compreso tra Bologna Casalecchio (Km. 0,8) e Bologna S.Lazzar..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum