Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Alpi, che ottobre mite! Ma dalla prossima settimana si cambia

Dopo la veloce ondata di freddo degli ultimi giorni di settembre la stagione si è assestata su canoni decisamente miti e molto poco autunnali.

In primo piano - 24 Ottobre 2008, ore 11.28

Sulle Alpi l'autunno è ancora in alto mare. A dispetto dei pascoli in quota che iniziano ad ingiallire, le temperature sono stabilizzate su valori piuttosto miti per la stagione e la neve è quasi ovunque un miraggio. Dopo la severa ondata di freddo degli ultimi giorni di settembre e dei primi di ottobre, la stagione ha fatto marcia indietro ritornando su canoni ben poco consoni per la fine di ottobre. Nei fondovalle le temperature diurne raggiungono ancora tranquillamente i 18-20°C e durante il prossimo fine settimana la colonnina di mercurio è destinata a risalire ancora di 3-4°C. Anche le perturbazioni, o presunte tali, che si sono avvicinate timidamente alla catena montuosa si sono rivelate autentiche bufale, dispensando qua e là solo una nuvolosità rotta, irregolare e associata a fenomeni davvero scarsi, sia sui versanti italiani che su quelli esteri. Per di più, oltre alla mancanza di precipitazioni, anche la presenza di un campo circolatorio relativamente anticiclonico e lo scarso rimescolamento dovuto alla blanda azione dei venti nei bassi strati, hanno favorito l'accumulo degli inquinanti sulle località prealpine, con parziale penetrazione degli stessi anche nelle vallate superiori a causa delle inversioni termiche nello strato limite. Per quanto riguarda la distribuzione nevosa, i ghiacciai risultano nel complesso ricoperti da un sottile strato di neve incoerente con le fronti poste a quote più basse che hanno ripreso, seppur in modo parziale, l'ablazione estiva. Sui versanti settentrionali la neve fresca è presente al di sopra dei 2500-2600 metri, mentre per trovare una copertura più uniforme occorre salire sopra i 3000 metri. Ora si attende la svolta prevista per la seconda parte della prossima settimana. Gli elementi di previsione ci inducono a pensare che l'autunno finalmente farà il suo ingresso sulle nostre montagne riportando la situazione termo-pluviometrica alla normalità e rivestendo le quote superiori di un più consono e consistente manto bianco.

Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum