Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

ALLUVIONI e NUBIFRAGI: chi rischia di più nei prossimi giorni?

Maltempo preoccupante in arrivo sul nostro Paese.

In primo piano - 26 Ottobre 2018, ore 12.41

C'è preoccupazione per l'ondata di maltempo che colpirà diverse aree del Paese da sabato 27 a lunedì 29 ottobre e poi ancora, ad intervalli, nei giorni successivi.

I momenti più a rischio per alluvioni, smottamenti o comunque violenti nubifragi sono previsti nelle giornate di domenica e lunedì.

Nel dettaglio i fenomeni cominceranno ad attivarsi già sabato, quando piogge battenti colpiranno soprattutto Liguria centro-orientale e fascia pedemontana e prealpina del nord, in particolare quella centrale ed orientale.

Domenica l'intensa perturbazione colpirà duramente anche le regioni centrali tirreniche; su Roma il nostro modello prevede il rischio di un violento nubifragio, così come segnala picchi di pioggia non trascurabili (oltre 50mm in 6 ore) tra la mezzanotte e le 6 del mattino su tutta la fascia montana e pedemontana del nord, specie tra Lombardia e Triveneto e sulla Liguria centrale ed orientale.

Domenica pomeriggio i fenomeni dovrebbero concentrarsi maggiormente tra le regioni tirreniche e il nord-est, lasciando in "stand-by" il nord-ovest, che però potrebbe subire un nuovo e più intenso attacco del maltempo tra domenica sera e lunedì.

Proprio per lunedì la presenza di un vero e proprio ciclone (zona di bassa pressione profonda al suolo) a ridosso del settentrione potrebbe scatenare violente, copiose, persistenti precipitazioni su tutta la fascia delle alte pianure del nord e in genere su tutti i rilievi alpini e prealpini, così come forti temporali potrebbero ancora colpire le regioni centrali tirreniche e la Liguria, accompagnati da venti intensi.

Le NEVICATE copiose attese mediamente oltre i 2000m potrebbero limitare il rischio di fenomeni alluvionali, limitando il ricarico d'acqua su fiumi e torrenti. 

Nella sola giornata di lunedì il nostro modello prevede però accumuli anche superiori ai 130mm di pioggia sulle Alpi Marittime, Cozie e Graie, ad ovest, e poi ancora dalle Prealpi lombarde a quelle friulane, ben 60-70mm sulle alte pianure; accumuli di oltre 90mm nelle vallate del Genovesato e dello Spezzino. 

Forti temporali di matrice marittima sono attesi lungo le coste toscane e laziali.
In definitiva una situazione che non lascia tranquilli, anche se l'azione del ciclone dovrebbe esaurirsi nella notte su martedì. Seguite gli aggiornamenti!


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum