Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

ALLERGIE: il maltempo può alleviare parzialmente le sofferenze

Tra alti e bassi, l'allergico affronta con coraggio la primavera, la stagione più dura dell'anno.

In primo piano - 21 Marzo 2014, ore 13.56

Purtroppo negli ultimi anni, causa l'inquinamento atmosferico, Il progressivo aumento dei casi di allergia ai pollini, soprattutto nei confronti di alberi a fioritura precoce o pre-primaverile come le Cupressacee, le Betulacee e le Corylacee.

Inoltre, l'introduzione di nuove specie esotiche ha diffuso nuovi granuli pollinici, ai quali molte persone si sono scoperte all'improvviso allergiche, senza contare i fastidi che ogni anno arreca un'altra pianta d'importazione: l'Ambrosia.

Tra febbraio e marzo, specie se la stagione invernale  risulta mite (come quella del 2013-2014) ecco il fastidio delle Betulacee (Ontano), delle Corylaceae (Nocciolo) e delle Cupressacee, subito seguito dai pollini del Frassino, Pioppo, Salice e in aprile dal Platano. Salicaceae.

Da metà aprile ecco anche la quercia e il faggio, e poi Olivo, Cipresso, Pino e le Graminacee, mentre in maggio scompaiono i pollini di Pioppo e Salice.

In estate da combattere ci sono soprattutto Artemisia ed Ambrosia, insieme a Castagno e Pino. Ambrosia e Artemisia). I pollini di piante arboree rilevati sono quelli di Castagno e Pino.
 
Con l'arrivo di periodi piovosi e freddi, meglio se non ventosi, molte persone sofferenti di allergia provano un giovamento, ma se il maltempo è accompagnato dal vento il giovamento è praticamente nullo ed anzi la situazione può anche peggiorare. 

Curiosa anche l'allergia al fiore Dente di Leone, che si manifesta da febbraio praticamente sino ad ottobre. Questi simpatici fiori gialli, che tappezzano i prati nei quali giocano i bambini, si trasformano poi nei ben conosciuti soffioni, che tutti i bimbi si divertono a lanciare contro mamme ed amichetti, con il risultato di peggiorare le patologie allergiche nei soggetti predisposti.

Da non trascurare anche la parietaria da marzo ad ottobre, l'avena, da maggio ad agosto, il granturco, da luglio a settembre, l'assenzio selvatico da agosto a settembre e la margheritina per quasi tutto l'anno, eccezion fatta per dicembre e gennaio.

Molte  le allergie incrociate con alimenti, specie la frutta: ciliegie, pesche, melograno, mele, pere, etc;

Gli antistaminici sono una soluzione tampone, il vaccino in molti casi risolve ma non in tutti e non manca chi è costretto a ricorrere ai cortisonici per "tirare avanti", insomma vita dura per gli allergici in primavera.


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 19.41: A1 Firenze-Roma

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Arezzo (Km. 358,5) e Valdarno (Km. 335,8) in direzione Firenze..…

h 19.40: A1 Firenze-Roma

rallentamento

Traffico rallentato causa traffico intenso nel tratto compreso tra Firenze Sud (Km. 300,9) e Incisa..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum