Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Allarme petrolio nel Mediterraneo

Le coste del Mar Mediterraneo, fra le più antropizzate al mondo, e il traffico petrolifero, rischiano di mettere a repentaglio l'intero ecosistema di questo mare unico.

In primo piano - 31 Maggio 2007, ore 10.03

In media nel Mediterraneo si contano circa 60 incidenti marittimi all'anno e in circa 15 di questi sono coinvolte navi che provocano versamenti di petrolio e di sostanze chimiche. Secondo l'UNEP MAP ogni anno nel mar Mediterraneo finiscono da 100 a 150.000 tonnellate di idrocarburi. Quantità impressionanti che sono purtroppo confermate dalla densità di catrame pelagico riscontrata nel mare, con una media di 38 milligrammi per metro cubo, la più alta del mondo. Le zone più a rischio d'incidente a causa dell'intenso traffico marittimo, sono gli stretti di Gibilterra e di Messina, il canale di Sicilia e gli avvicinamenti allo stretto di Çanakkale, nonché vari porti, tra cui Genova, Livorno, Civitavecchia, Venezia, Trieste, Pireo, Limassol/Larnaka, Beirut ed Alessandria. Ogni giorno infatti, le acque del Mediterraneo sono solcate da 2.000 traghetti, 1.500 cargo e 2.000 imbarcazioni commerciali, di cui 300 navi cisterna (il 20% del traffico petrolifero marittimo mondiale) che trasportano ogni anno oltre 340 milioni di tonnellate di greggio, ben 8 milioni di barili al giorno. Con 584 città, 750 porti turistici e 286 commerciali, 13 impianti di produzione di gas, 180 centrali termoelettriche, 82 porti petroliferi e altrettante raffinerie, le coste del Mar Mediterraneo sono fra le più antropizzate al mondo. Dei 400 milioni di abitanti di venti Stati che si affacciano sul mare nostrum, circa 130 milioni vivono nelle aree costiere. Un'antropizzazione che lascia ferite profonde a un mare unico al mondo, dove esistono circa 150 Aree a Protezione Speciale e 17 Aree Specialmente Protette di Importanza Mediterranea, con un'estensione complessiva di 9 milioni di ettari. Anche l'Italia fa la sua parte con ben 17 raffinerie che lavorano ben 2.300.800 barili al giorno (un quarto del greggio di tutto Mar Mediterraneo)e 14 porti petroliferi. Dal 1985 si sono verificati nel Mediterraneo ben 27 incidenti rilevanti con un versamento complessivo di oltre 270.000 tonnellate di idrocarburi. E sempre l'Italia detiene il primato del greggio versato nei principali incidenti con 162.600 tonnellate, subito seguita dalla Turchia, con quasi 50.000 tonnellate e dal Libano, con 29.000. Tra le priorità per difendere il mare nostrum dall'inquinamento petrolifero, c'è quella di arrestare la consueta pratica di scarico delle acque di sentina e di lavaggio delle cisterne anche attraverso l'adozione di misure che rendano più conveniente lo scarico presso i depositi costieri e più rischioso e svantaggioso il lavaggio a mare. Altrettanto importante è obbligare le petroliere a dotarsi di equipaggi professionalmente più preparati e imporre il divieto di navigazione alle navi che trasportano sostanze pericolose e inquinanti in condizioni meteo marine particolarmente avverse. Si rende necessario così, estendere anche al combustibile di bordo la copertura assicurativa in caso di incidenti e imporre un obbligo di adeguamento a livello costruttivo delle cisterne che contengono il bunker.

Autore : Luca Savorani

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 20.01: A8 Milano-Varese

coda rallentamento

Code a tratti causa traffico intenso nel tratto compreso tra Svincolo Di Busto Arsizio (Km. 24,5) e..…

h 19.59: A14 Bologna-Ancona

coda rallentamento

Code a tratti causa traffico intenso nel tratto compreso tra Forli' (Km. 81,6) e Imola (Km. 50,1)..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum