Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Allarme: oltre 500 dighe italiane a rischio deterioramento

Secondo recenti ricerche è emerso che quasi il 90% delle dighe italiane non risponde più alle attuali norme tecniche, il 70% è stato progettato senza considerare azioni sismiche e il 60% è obsoleto considerando che risulta in esercizio da oltre 50 anni.

In primo piano - 2 Luglio 2007, ore 10.00

Molte delle oltre 500 grandi dighe in esercizio in Italia sono afflitte da un pericoloso deterioramento strutturale. Si rende così necessaria un'adeguata verifica e la conseguente messa in sicurezza delle opere. L'appello è giunto dal secondo convegno sui problemi strutturali nell'ingegneria delle dighe promosso recentamente a Roma dall'Accademia dei Lincei. La situazione descritta nel convegno indica che il 60% delle grandi dighe italiane ha oltre 50 anni; il 90% è stato costruito prima dell'entrata in vigore delle vigenti norme tecniche, che tuttavia risalgono al 1982, e che oltre il 70% delle dighe è stato progettato senza considerare azioni sismiche agenti su di esse, poiché all'epoca non erano previste dalla legge. Una normativa varata dal Governo nel 2004 a seguito degli allarmi lanciati proprio dal primo convegno sulle dighe promosso dall'Accademia dei Lincei prevedeva entro 90 giorni l'individuazione delle dighe da dismettere ed entro trenta giorni la compilazione di un elenco delle dighe da sottoporre a verifica sismica. La legge, come spesso accade nel nostro Paese, non ha avuto finora attuazione a causa di una serie di sovrapposizioni legislative e di alcune norme di finanza pubblica che hanno bloccato gli stanziamenti previsti, ha spiegato il Presidente del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Marcello Mauro, aggiungendo che "i problemi si stanno superando e nel frattempo sono state individuate in modo ragionato le linee guida che ora finalmente consentono di avviare le verifiche e i controlli del caso". Questa normativa, ha sottolineato Marcello Mauro è di fondamentale importanza per il ruolo strategico delle dighe nell'ambito dell'economia nazionale che riguarda: la prevenzione delle crisi idriche sempre più frequenti, l'approvvigionamento energetico da fonti rinnovabili, la riduzione del rischio idraulico e la difesa del territorio. Un impegno a colmare le lacune operative e normative ancora presenti è venuto anche da Claudio Rinaldi, Commissario straordinario del RID (Registro Italiano Dighe). L'accademico dei Lincei Giulio Maier ha sottolineato come l'ingegneria delle dighe rivesta grande rilevanza socio-economica e tecnico-scientifica. Oltre alla produzione pulita di energia rinnovabile, le dighe servono all'irrigazione e al controllo di piene e della navigabilità. La controversa Diga delle Tre Gole in Cina sul Fiume Azzurro, con ultimazione prevista nel 2009, simboleggia l'importanza delle dighe nel presente e nel futuro, per la sua peculiarità di massima costruzione mai realizzata sul nostro pianeta e di centrale idroelettrica equivalente a diverse centrali nucleari.

Autore : Luca Savorani

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 00.48: A1 Milano-Bologna

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Lodi (Km. 22,7) e Casalpusterlengo (Km. 37,9) in direzione Bolo..…

h 00.46: A8 Diramazione Per Gallarate-Gattico

rallentamento

Traffico rallentato causa trasporto eccezionale nel tratto compreso tra Allacciamento A8 Milano-Var..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum