Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Al via l'instabilità termoconvettiva; ecco i settori più colpiti

Circolazioni d'aria FRESCA alle quote superiori, inaspriranno soprattutto tra domani, mercoledì 5 aprile e giovedì 6, manifestazioni sparse di instabilità anche a sfondo temporalesco. Ecco DOVE potranno manifestarsi i temporali sul nostro territorio entro le prossime 48 ore.

In primo piano - 4 Aprile 2017, ore 18.15

Va prefigurandosi proprio in queste ore il pattern già ampiamente descritto negli aggiornamenti delle scorse giornate; acquista infatti d'importanza la figura di ALTA pressione arroccata ai settori occidentali d'Europa, mentre la nostra vecchia depressione ha spostato il baricentro verso i settori orientali d'Europa (Balcani - Egeo), laddove riceve in queste ore contributi d'aria fredda in quota. Ne deriveranno un paio di giornate "marchiate" dall'instabilità cosiddetta termoconvettiva, cioè innescata dal surriscaldamento solare negli strati prossimi al suolo, dove troveremo valori termici già abbastanza elevati per il periodo.

Il cosiddetto "trigger" per lo sviluppo delle nubi convettive, sarà fornito da una piccola goccia d'aria fresca alle quote superiori; questa goccia attraverserà il territorio italiano nella giornata di domani, mercoledì 5 aprile, andando così ad amplificare il cosiddetto "gradiente termico verticale", cioè la differenza di temperatura esistente fra gli strati prossimi al suolo ed i valori misurati in quota. Più questa differenza è amplificata, più i moti convettivi, cioè la risalita delle masse d'aria tiepide ed umide dal suolo alla quota, verranno agevolati, portando alla formazione di nubi a sviluppo verticale associate a rovesci di pioggia e temporali. 

Tra i settori più colpiti dai fenomeni, segnaliamo l'intero tratto appenninico che va dalla Liguria orientale sino alla Calabria, la circolazione di venti settentrionali potrà trascinare questi temporali lungo il versante tirrenico, dalle aree appenniniche alle zone pianeggianti adiacenti, sin verso la fascia costiera (più probabili su bassa Toscana - Lazio, Campania). Focolai temporaleschi anche su basso Piemonte, Alpi Liguri ed Alpi Marittime, qualche focolaio temporalesco anche sulle zone pianeggianti di Emilia Romagna, Friuli e Veneto

Ancora manifestazioni temporalesche potranno ripresentarsi giovedì 6 aprile ma più circoscritte alle regioni dell'Italia centrale e meridionale, più scarso il coinvolgimento costiero ed in generale fenomeni meno vigorosi. 

 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum