Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Al nord lunedì il grosso delle nevicate tra Liguria, Emilia, basso Piemonte e Lombardia

L'evento nevoso di lunedì 11 al nord: tutti gli aggiornamenti!

In primo piano - 9 Febbraio 2013, ore 14.20

Con l'arrivo di lunedì 11 febbraio una intensa figura di bassa pressione interesserà le regioni settentrionali portando alcune forti nevicate. La struttura di bassa pressione prenderà vita dalla discesa verso il Mediterraneo centro-occidentale di una depressione nord-atlantica carica di aria fredda in quota. Le nevicate saranno provocate dal sovrascorrimento di aria più umida al di sopra di un cuscino d'aria fredda generato in questi giorni da un abbondante flusso di aria artica.

Negli ultimi giorni l'arrivo dell'aria artica ha provocato un forte calo della temperatura che si è reso particolarmente avvertibile nelle aree montuose. Nei settori collinari e pianeggianti soprattutto durante il giorno, il calo termico è assai più ridotto, camuffato dal tepore di un tiepido sole.

In merito alla previsione della neve in pianura molte persone potrebbero storcere il naso; i valori di temperatura (soprattutto le massime) raggiunti in questi giorni sembrerebbero avvallare l'ipotesi di una sostanziale mancanza di freddo nelle basse quote atmosferiche. Freddo quindi insufficiente a garantire la caduta di neve sino alle pianure o persino alle coste. Tuttavia soffermandoci ad osservare altri parametri atmosferici, in primis la temperatura di bulbo umido (Wet Bulb) e la temperatura di rugiada (Dew Point) ci accorgeremo delle reali potenzialità della massa d'aria presente in questo momento.

Questi due valori ci forniscono importanti informazioni in merito al calo termico che interverrà non appena la colonna d'aria verrà attraversata dalle precipitazioni. L'aumento dell'umidità relativa sulla colonna d'aria, provocherà un forte ridimensionamento termico anche nei bassi strati.  Entro lunedì temperature negative accompagneranno le precipitazioni nevose su diverse aree pianeggianti del nord.

 Le dinamiche del passaggio perturbato sono caratterizzate dalla formazione di un minimo ad occhiale che entro le prime ore di lunedì 11 prenderà forma in territorio francese. Il minimo di bassa pressione principale si troverà collocato sul nord della Francia, il minimo secondario, dato dal contrasto dell'aria fredda nord-atlantica sul Mediterraneo, prenderà vita nelle prime ore di lunedì sul golfo del Leone.

Gli aggiornamenti relativi alla giornata di ieri, ponevano un vistoso minimo di bassa pressione collocato nella giornata di lunedì 11 sul golfo di Genova. Quest'oggi i nuovi aggiornamenti prevedono la formazione del medesimo minimo di bassa pressione in posizione più meridionale con uno scarto di circa 100-150km più a sud. Il minimo al suolo dal golfo del Leone si muoverà abbastanza velocemente verso est, in direzione della Corsica entro il mezzogiorno di lunedì.

Il motivo principale per cui il minimo di bassa pressione è ora visto più sud, va ricercato nella grande quantità di freddo presente al settentrione d'Italia al momento dell'ingresso della depressione sul Mediterraneo. Il freddo respinge i moti convettivi responsabili dello scavarsi di una ciclogenesi mediterranea, ponendo così la formazione del fulcro della circolazione ciclonica più a sud, su di una zona dove le temperature negli strati prossimi al suolo sono più elevate.

Quali conseguenze sulla previsione?

La presenza di un minimo in posizione più meridionale determinerà una maggiore tenuta della colonna d'aria su buona parte delle regioni settentrionali, con uno Scirocco meno invasivo. Sarà da aspettasi qualche centimetro di neve in meno, segnatamente nelle aree di pianura a nord del Po, mentre sulle aree di bassa pianura i fiocchi si offriranno generosi ed abbondanti.

Sulla Liguria centrale (Genova - Savona) la mattinata di lunedì potrebbe esordire sotto una vera e propria tempesta di neve con accumuli anche considerevoli. Le nevicate saranno intense e copiose anche su basso Piemonte, bassa Lombardia, Emilia Romagna. Nell'ambito delle pianure settentrionali le aree più colpite andranno dal milanese alla bergamasca con accumulo di alcuni centimetri. 

L'arrivo di lunedì sera determinerà poi una cessazione abbastanza veloce dei fenomeni partendo dall'angolo nord-occidentale. Ritroveremo quindi le precipitazioni più intense sulla Toscana e nel nord-est italiano con neve a bassa quota ma non in pianura.

Vi rimandiamo agli aggiornamenti di domani.

Approfondimenti su: http://meteolive.leonardo.it/news/Prima-pagina/1/Week-end-freddo-con-neve-in-Adriatico-e-meridione-ma-occhi-puntati-sulle-NEVICATE-di-lunedi-al-nord/40417/ di Alessio Grosso.


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum