Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Affondo del maltempo sull'Italia, lunedì l'estremo sud a rischio nubifragi

L'approfondimento di una saccatura fredda atlantica e la risposta calda nord-africana si risolverà in uno scontro diretto che avverrà sui cieli delle nostre estreme regioni meridionali. Lunedì attesi forti temporali su Sicilia, Calabria, Basilicata e Puglia.

In primo piano - 24 Ottobre 2010, ore 09.09

La minacciosa scia di temporali distesa sulle nostre estreme regioni meridionali nelle ore centrali di lunedì.

E' una di quelle tipiche situazioni velenose per le nostre regioni meridionali. La congiuntura perturbata si fregerà dell'intervento di aria artica marittima da una parte e di aria subtropicale continentale dall'altra. Le due circolazioni, pur lavorando in sinergia, avranno ognuna le sue competenze territoriali. Questo lo si vede infatti dalla presenza sull'Europa della Corrente a Getto Polare, con il suo ramo ascendente proteso sul nord Italia, mentre dal nord Africa sale verso il Mediterraneo centrale il ramo ascendente della Corrente a Getto Subtropicale.

Tra i due fiumi di vento scorre un nastro nuvoloso che nella sua parte meridionale trarrà giovamento dall'approfondimento di un minimo orografico sottovento alla catena dell'Atlante. Questo mulinello si porterà rapidamente verso la Sicilia e nel suo attraversamento delle tiepide acque del mare, attingerà ulteriore energia e sospingerà verso le nostre regioni meridionali un flusso molto mite e carico di instabilità convettiva.

Per questo motivo ci attendiamo già dalla sera di domenica lo sviluppo di autentici mostri temporaleschi sul Canale di Sicilia e sul basso Ionio. Con il passare delle ore, l'approssimarsi del minimo di pressione a Sicilia e Calabria, determinerà nei bassi strati la rotazione delle correnti a Scirocco. Ecco che l'instabilità convettiva insita nella massa d'aria potrà liberarsi in blocco allo scontro con i versanti ionici delle due regioni.

Partirà da qui una staffetta di temporali, con alto rischio di nubifragi, che impegnerà dapprima l'est della Sicilia (attenzione particolare al Messinese), poi tutta la Calabria (attenzione ai versanti ionici). Lo stesso meccanismo porterà il malloppo temporalesco al cospetto della Basilicata (attenzione al Materano), per poi giungere sulla Puglia (attenzione a Barese e penisola Salentina).

Il tutto poi, velocemente come è arrivato, velocemente se ne andrà verso Bosnia, Montenegro e Albania, liberando entro il tardo pomeriggio le regioni italiane. Il nostro meridione si leccherà allora ancora una volta le ferite, speriamo non troppo profonde.


Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum