Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

A fine novembre primi guai per l'anticiclone, con dicembre torna l'autunno

La lunga sopravvivenza dell'anticiclone subtropicale nord-africano sembra mostrare i primi segnali di declino. A fine novembre le correnti perturbate atlantiche lo spazzeranno via definitivamente riportando in grande stile l'autunno.

In primo piano - 19 Novembre 2009, ore 10.21

Con il primo giorno di dicembre per la meteorologia si entrerà nell'inverno. Al momento però della stagione fredda non vi è traccia e, anzi, anche l'autunno sembra stentare in questa fase, caratterizzata dalla presenza ostinata dell'alta pressione subtropicale nord-africana. Scrutando attentamente l'andamento dei vari indici atmosferici e la progressione delle onde planetarie si nota però che qualcosa a breve cambierà. Il primo passo, dopo un ultimo colpo di acceleratore, sarà un progressivo rallentamento della trottola ciclonica polare. La manovra causerà anzitutto il rilascio di un importante nucleo di freddo tra il Canada e il nord Atlantico. Nel frattempo, a seguito di un contemporaneo e fisiologico indebolimento dell'alta nord-africana in sede mediterranea, si scaverà un canale depressionario che metterà in comunicazione il comparto islandese con quello iberico. Il respiro della saccatura che si strutturerà sul grande oceano, con asse puntato tra questi due settori, sarà abbastanza profondo da poter abbracciare negli ultimi giorni di novembre anche gran parte dell'Europa centro-occidentale. L'Italia si verrà a trovare sottovento l'asse della saccatura, quindi a portata delle correnti meridionali, tese e cariche di umidità. Tutta la struttura, rinforzata da vari minimi satellite proprio lungo questo tratto dell'onda depressionaria, si concretizzerà con una serie di corpi nuvolosi di tipo frontale che si porteranno sul nostro Paese complicandone ulteriormente le condizioni atmosferiche. Tra il 29-30 di novembre e i primissimi giorni di dicembre Italia sotto l'acqua dunque. Le temperature, pur in calo rispetto ai valori attuali, rimarranno piuttosto miti e la neve cadrà sulle Alpi inizialmente solo a quote abbastanza elevate. L'eventuale persistenza di una tale situazione potrebbe generare qualche problema, vista la possibile gran quantità d'acqua che si troverebbe a scorrere sul nostro territorio. Fortunatamente, entro il Ponte dell'Immacolata, l'aria polare marittima che seguirà l'asse della saccatura principale, determinerà un generale calo termico, con la neve che guadagnerà progressivamente le quote medie, comparendo anche sulle cime dell'Appennino. La situazione risulta particolarmente interessante, una vera e propria svolta stagionale rispetto alla stagnazione attuale. Vale dunque la pena di seguirla passo passo con i nostri prossimi aggiornamenti.

Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 10.03: A1 Roma-Napoli

coda

Code per 2 km causa viabilità esterna non riceve nel tratto compreso tra Allacciamento Asse Media..…

h 10.03: SS106 Jonica

rallentamento

Traffico in aumento, traffico intenso causa traffico vacanziero nel tratto compreso tra 7,337 km do..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum