Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

"Super" depressione mediterranea: conseguenze e potenzialità

Nei prossimi giorni un'importante fase d'instabilità in chiave invernale riguarderà l'intero stivale italiano. A stupire saranno soprattutto le manifestazioni di instabilità ed i valori di pressione estremamente bassi che si accompagneranno all'evento. Ecco nel dettaglio cosa potremo aspettarci.

In primo piano - 28 Gennaio 2015, ore 18.15

L'alta pressione rimane lontana e seguiterà a restare lontana dalla nostra penisola anche per i prossimi giorni. In queste ore infatti, una maestosa figura di bassa pressione ricolma d'aria polare marittima, scende di gran carriera dai settori nord-atlantici all'Europa centrale ed il bacino del Mediterraneo, dando il via ad una delle fasi instabili più importanti dell'inverno. L'aria polare marittima è per sua stessa natura, una massa d'aria dalle caratteristiche assai instabili, essendo caratterizzata da un elevato gradiente termico verticale, quest'ultima agevola i processi termoconvettivi dell'atmosfera, innescando frequenti episodi d'instabilità anche a sfondo temporalesco.

Da un lato quindi, nei bassi strati ed alle quote pianeggianti, mancheranno veri e propri valori di GELO, assimilabili soltanto alle masse d'aria di origine continentale, una carenza che sarà però colmata dalla presenza di valori molto freddi alle quote superiori. Sono infatti attese temperature sino -35°C alla quota di 5100 metri. Aria fredda che sarà pronta ad essere rovesciata al suolo durante le precipitazioni, garantendo comunque la caduta di neve a quote collinari.

Essendo estremamente instabile la natura stessa della massa d'aria, fenomeni d'instabilità sovente a sfondo temporalesco, potranno interessare molte aree del nostro stivale, soprattutto quelle marittime dalla Liguria sino alle estreme regioni meridionali.

In linea generale, nuvolosità e rovesci di pioggia saranno una presenza costante nel tempo previsto sui settori centrali e meridionali del Paese, mentre risulteranno episodiche sulle regioni del nord, inframezzate da fasi abbastanza durature di ventilazione settentrionale secca e limpida.

I settori alpini confinali, sperimenteranno diverse giornate di intense precipitazioni nevose accumulate dallo Stau, mentre sul versante italiano delle Alpi imperverserà il Favonio (freddino). Tutte queste località prossime allo spartiacque alpino, ne usciranno reduci da accumuli nevosi sostanziosi.

Rimangono infine due incognite; la prima legata all'intervento di una perturbazione nevosa indirizzata alle regioni settentrionali nella giornata di martedì 3 febbraio, vista e "mal" vista dalle previsioni che faticano non poco ad inquadrare l'esatta posizione del minimo depressionario da cui dipenderanno intensità e localizzazione delle precipitazioni. Questo argomento sarà meglio approfondirlo in un secondo momento, quando l'accorciarsi della distanza temporale, renderà la previsione più sicura.

La seconda delle due incognite che ci accompagna ormai da molti giorni, riguarda la durata che avrà nel tempo la fase invernale ormai imminente sull'Europa. Grosse lacune previsionali, rendono impossibile tracciare una linea di tendenza oltre la settimana che possa essere realmente affidabile. Le previsioni di oggi sembrano allontanare un po' lo spettro di un precoce riaddolcimento della temperatura già nella prima decade di febbraio, ma le sorprese (in positivo o negativo dipende dai punti di vista) sono sempre dietro l'angolo.


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum