Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

"La neve era rimasta una nemica..."

In libreria con Mursia il commovente e drammatico libro di Bedeschi: il Natale degli alpini.

In primo piano - 10 Maggio 2004, ore 08.37

Grande commozione alla presentazione del libro di Giulio Bedeschi: "il Natale degli Alpini" presso la libreria Mursia di Via Galvani a Milano. La lettura di alcune pagine del libro, che narra della drammatica campagna di Russia durante la seconda guerra mondiale, alternata ai canti più belli degli alpini, è stata seguita con grande partecipazione dal pubblico che ha gremito la libreria ai limiti della capienza. Bedeschi, alpino, medico e scrittore, nasce ad Arzignano, in provincia di Vicenza nel 1915. Ufficiale medico, andò volontario prima sul fronte greco-albanese, poi venne trasferito nel 42 sul fronte russo dove, con gli alpini della Julia, visse la tragedia della ritirata, che raccontò nel suo capolavoro: "centomila gavette di ghiaccio", pubblicato da Mursia nel 1963. E' la voce potente, drammatica, intensa di Giulio Bedeschi, scomparso nel 90, che, attraverso gli scritti ritrovati nel suo archivio, racconta la tragedia della guerra, del fronte russo, della ritirata, della fatica di restare "uomini" nel gelo dei 40 sottozero, tra patimenti indicibili e dolori senza fine. Sono pagine che parlano della generazione di ieri e di oggi e testimoniano l valore della pace, della dignità dell'essere uomo, della solidarietà, del coraggio. Lasciando alla vostra lettura le tremende e toccanti descrizioni del Bedeschi di quei giorni nella steppa russa, che si possono sintetizzare nel canto alpino che dice "la migliore gioventù va sotto terra", nell'epoca in cui la passione per la neve e il freddo sono ormai un valore condiviso tra le nuove generazioni, vi proponiamo una pagina davvero singolare che chiarisce quale fosse diventato il rapporto tra la neve e Bedeschi dopo quella tragica esperienza... "In quella vigilia di Natale, quand'era già buio, entrò mia sorella che, con l'eccitazione dei ragazzini, annunciò allegramente: "nevica!". Era stata una partita troppo lunga e dolorosa, quella giocata due anni prima con la neve sulle steppe di Russia, e anche dopo il rientro in Italia la neve era rimasta una nemica; il mio istinto mi faceva rifuggire perfino dal pensiero di quel bianco e del suo silenzio, di quell'apparente candore che celava tante insidie, io e miei alpini le avevamo conosciute, e mi ero giurato, nonostante l'antico amore per la montagna e per lo sci, che non l'avrei mai più calpestata di mia volontà. Anche all'annuncio sentii subito il disgusto, la immaginai scendere sui campi con quel suo sfarfallare che dava allegria, a chi non sapeva (...) Richiusi il battente alle mie spalle: rimasi fuori nel buio. (...) Nell'immobilità cominciai a percepire un lievissimo cigolio, una sorta di minuto sfrigolio, costante e sommesso. Non la neve che da qualche minuto mi scendeva sui capelli e sul viso ma quel suo ticchettare leggero sulla pelle di pecora che mi copriva il petto e le spalle mi riportò a quando uscivo di notte nello stambugio dell'osservatorio a strapiombo sul Don a guardare con il binocolo le luci dei russi sull'altra riva del fiume. (...) Neve, neve, sempre. Quante retorica, quante immagini avevo sentito e letto su quella parola. La coltre, il lenzuolo, la coperta, il tappeto, il manto, il suo regno il suo dominio, il suo fulgore. Invece stava lì, caduta nell'orto, come noi creata, anch'essa si sarebbe in breve dissolta, per un niente, un po' di sole. Ciò che ci avrebbe dato calore sarebbe stato bastevole a distruggere lei, creatura di Dio, più labile di noi. Ormai non sentivo alcuna avversione, l'ultimo sgomento s'era dissolto dai miei ricordi". Sembra quasi che Bedeschi voglia processare la neve in questa pagina; si nota però proseguendo come gradualmente il giudizio, inizialmente molto duro, si ammorbidisca; c'è in fondo pietà e tenerezza per la neve, definita più labile di noi, e gradualmente scema anche quell'avversione, quel disgusto che aveva provato dopo aver visto cadere tanti compagni, tanti giovani, tanti, troppi uomini, anche per causa sua, là in Russia... E' insomma prima di tutto un libro di neve, che MeteoLive vi consiglia vivamente.

Autore : Report di Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum