Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

L'indimenticabile nevicata del 79

Con questo mio scritto voglio ringraziare Alberto60 per il suo splendido articolo sulla stagione invernale a cavallo tra il 1978 ed il 1979 per le emozioni che è riuscito a suscitarmi e per i ricordi che mi ha richiamato alla mente, per avermi fatto rivivere come in un film, momenti scolpiti nella mia memoria e fatto percorrere un viaggio nei ricordi di quando, bambino, iniziavo ad appassionarmi alla Meteorologia.

I vostri articoli - 9 Luglio 2007, ore 09.10

Spesso Adriano Celentano racconta che, nel gelido mattino del 6 Gennaio 1957, ascoltando per la prima volta la celebre canzone "Rock around the clock" di Bill Haley, fu pervaso da quel "brivido rock" che avrebbe dato energia e forza alla sua interminabile carriera! Io, invece, ricordo che la sera del 2 Gennaio 1979, guardando in TV "Che tempo fa", mentre l'indimenticabile Edmondo Bernacca con le lettere calamitate indicava per il giorno seguente neve in pianura sulla Puglia, io iniziavo ad innamorarmi della Meteorologia! Avevo solo 7 anni all'epoca e quell'evento mi dette la scossa decisiva, fu per me la scintilla che fece nascere quella passione che serbavo in me dalla nascita! Ricordo bene le nevicate che interessarono la pianura padana nell'Autunno del 1978, alle quali fa riferimento Alberto60, così come il gelo russo di fine anno. Non avevo mai visto la neve a Taranto prima di allora e quella sera del 2 Gennaio, mentre Bernacca prevedeva neve sulle pianure pugliesi per l'indomani, la mia attesa era spasmodica! Il termometro a lancetta posto sul terrazzino di casa segnava 3°C e mio padre, di rientro dal lavoro, mi diceva di aver intravisto qualche fiocco di neve per strada. Andai a dormire, quasi certo dell'evento dell'indomani, ma non sapevo che il verificarsi di quell'evento sarebbe stato solo un caso, visto che tante altre volte, negli anni successivi, nonostante le previsioni meteorologiche favorevoli, a Taranto non avrebbe nevicato! Alberto60, nel suo articolo, scrive che il 3 Gennaio nevicò sulle pianure pugliesi; ed in effetti, fu così! Quel giorno aspettai con ansia l'apertura mattutina delle tapparelle da parte di mio padre, così come attesi, trepidante, la sua esclamazione che, puntuale, arrivò: "Pier Paolo, alzati, che c'è una sorpresa per te stamattina!". Esattamente 2 secondi dopo ero incollato davanti alla finestra ad ammirare uno spettacolo che mai avevo visto prima in città: Taranto era sotto la bufera, nevicava fitto e a larghe falde, la città era ricoperta da 10 cm di neve ed il termometro segnava -2°C, mentre, alla quota di 1500 m, passava una -15°C! Ricordo che continuò a nevicare fino al pomeriggio, poi si affacciarono timide schiarite ed io trascorsi l'intera giornata a fare le palle ed i pupazzi di neve! Conservo ancora le fotografie di quella nevicata, immagini immortalate di una Taranto mai vista prima e di una provincia jonica simile ad una gelida pianura siberiana! Nei giorni successivi continuò a far freddo, tanto che la neve sui prati, specie nei punti in ombra, resistette per 3 giorni, (cosa eccezionale per una città di mare del Sud Italia!) e la notte del 6 Gennaio l'osservatorio meteorologico "Luigi Ferrajolo" di Taranto Talsano segnò la temperatura minima di -7°C, che rimane tuttora il valore più basso mai registrato da quando a Taranto si misura ufficialmente la temperatura. Quella stessa notte l'acqua gelò nelle condutture domestiche spaccandole, tanto che dal mio balcone e da molti altri pendevano stalattiti di ghiaccio. Questi sono i miei ricordi d'infanzia di quella splendida nevicata che fece esplodere in me la passione per la Meteorologia. Inverni bianchi come quello si sono ripetuti nel 1980 (20 cm di neve a Taranto il 4 Gennaio) e nel 1981 (quando la città dei due mari fu imbiancata per ben 3 volte!). In quegli anni eravamo alla fine di un trentennio caratterizzato dalla diminuzione delle temperature medie globali ed erano proprio quelli gli anni in cui i catastrofisti di allora dicevano che se l'uomo non avesse smesso di inquinare il pianeta, ben presto, sarebbe andato incontro ad una nuova era glaciale. in seguito il trend termico si invertì ed i catastrofisti corressero il tiro; ma questa è storia dei giorni nostri!

Autore : Pier Paolo Talamo

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 03.47: A1 Roma-Napoli

incidente rallentamento

Traffico rallentato causa incidente nel tratto compreso tra Frosinone (Km. 623,8) e Ceprano (Km. 64..…

h 03.37: SS12 Dell'abetone E Del Brennero

frana

Strada chiusa al traffico causa misure di sicurezza nel tratto compreso tra Incrocio Cutigliano B...…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum