Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Da dove nasce la passione per la meteo?

In ognuno di noi è sepolto nella memoria un episodio, un frammento di esistenza, un fatto, che ci ha condizionato e ci condiziona ancora oggi nell'attenzione ai fatti meteorologici quotidiani. Il mio rapporto con la meteo nasce con una terribile notte di temporale di tanti anni fa.

I vostri articoli - 11 Maggio 2002, ore 08.49

Saranno quanti ... boh, chi se lo ricorda? circa 34-35 anni fa, una mattina di settembre mio padre decise che saremmo andati in Val d'Aosta a vedere il Cervino. Partimmo con una mitica SIMCA 1000 azzurra, con un caldo notevole, che man mano procedevamo verso le risaie del Vercellese divenne soffocante. Ci fermammo per la notte a Santhià, appena fuori dall'autostrada e già all'ora del tramonto tutte le Prealpi piemontesi erano sormontate da una interminabile schiera di fulmini rosa, generati non da un singolo temporale ma da un'immane nube a semicerchio che orlava le montagne. Io avevo otto-nove anni ed ero molto eccitato e spaventato dallo spettacolo, che ancora si manifestava a grande distanza. Ricordo che mio fratello maggiore ne era entusiasta, ma i miei genitori, memori di altri furiosi temporali già vissuti da "protagonisti" e non solo da spettatori, erano molto più preoccupati per il modo in cui avremmo passato la notte. Già, la notte. A metà della stessa ci arrivò addosso un uragano di acqua da tutte le parti e soprattutto un fittissimo bombardamento di saette che ci impediva di dormire, a momenti di parlare tra noi. Il clou del temporale fu raggiunto quando, quasi istantanei, giunsero luce e fragore di una saetta: questa colpì il pioppeto di fronte al motel, circa 50 m di fronte a noi. La luce mi abbagliò mentre mi stringevo a mio fratello terrorizzato. Poi, lentamente il fragore di battaglia si calmò e potemmo alla fine addirittura dormire. L'indomani un cielo blu cobalto ci accolse al risveglio, e l'aria era freschissima con le montagne che sembrava di toccarle. Riprendemmo il viaggio, e notammo le tracce dei fulmini sui guard-rail, che spesso tra Santhià e Ivrea apparivano inceneriti. Al pomeriggio giungemmo a vedere il Cervino, e mi ricordo che al tramonto, dato che era senza ombra di nubi intorno a sè, parve colorarsi di verde ("le rayon verte"), spettacolo inusitato e rarissimo. Da quel giorno le condizioni meteo mi hanno sempre interessato, il cielo non è stato più lo stesso... e la passione per le previsioni e l'evoluzione del tempo è rimasta intatta.

Autore : Guido Barbieri

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum