Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Il clima dell'Umbria

La posizione della Regione, situata quasi al centro della penisola (unica regione dell'Italia peninsulare i cui confini non sono bagnati dal mare), la sua conformazione altimetrica, determinano gli aspetti del suo clima, che comunque è caratterizzato, in generale, da componenti nettamente mediterranee, con estati calde e inverni relativamente miti.

I tipi di clima - 15 Gennaio 2001, ore 09.34

Analizziamo il clima umbro settore per settore. Nel settore orientale, più montuoso, gli inverni sono più freddi e le temperature medie scendono sotto lo zero. L' Appennino umbro-marchigiano ad Est, con parecchie cime oltre i 2000 m. limita l'ingresso dei venti provenienti dall'adriatico; hanno sicuramente maggior valenza il vento di Libeccio e lo Scirocco,che apportano le piogge; piogge che cadono più consistenti in primavera, in autunno, ed in inverno. L'estate, pur essendo la stagione meno piovosa, non registra peraltro minimi così accentuati; la media dei tre mesi estivi supera abbondantemente i 150 mm. Le condizioni locali hanno notevole influenza sulla copiosità delle precipitazioni; si possono anche riscontrare differenze sensibili nelle carte relative alle precipitazioni stagionali tra le varie località. Dal Tirreno giungono tutti gli influssi marini anche se parzialmente limitati dai rilievi occidentali e dal massiccio dell'Amiata. Le precipitazioni annue vanno dai 700 mm. nella conca tra il Trasimeno e Perugia, a salire fino ai 1500 nelle zone montuose più elevate. Zone a scarsa piovosità risultano anche quelle intorno Foligno, Campello e Orvietano. Le precipitazioni maggiori si possono rilevare sulle dorsali del Monte Peglia, sul Ternano, alle Marmore, le pendici dei Sibillini , la Valtopina, i Piani di Colfiorito e le montagne ad Est di Gubbio e città di Castello. I temporali non sono molto frequenti e rare sono le perturbazioni con apporto di grandine; più frequenti sono i brevi e violenti acquazzoni che si abbattono sulle aree montane più elevate. La neve cade sopra gli 800 mt. dall'inizio dell'inverno fino, in alcune località , ad aprile; la frequenza e la copiosità è molto variabile a seconda dell'altitudine e delle evoluzioni atmosferiche invernali. Raramente, ma non troppo, cade a quote inferiori, ove la permanenza comunque, è di breve durata. Abbondanti in alcune annate possono risultare le precipitazioni nevose sui valichi dell'Appennino ( Colfiorito, Piano grande di Castelluccio e le zone a SE di Norcia ) Le temperature sono relativamente fredde in inverno, calde e afose nelle pianure in estate. Le temperature estive raggiungono valori piuttosto elevati specie nelle conche lungo il Tevere e la Nera, ma diventano più accettabili appena si sale sulle prime pendici, sui colli ( ove peraltro sono ubicati la maggior parte dei centri abitati). Ciò grazie alla maggior esposizione alle brezze e per la presenza di territori boschivi disseminati qua e là in tutta l'area collinare. Sulle alture, laddove terminano le coltivazioni e un leggero strato di terra ricopre la dura roccia calcarea, le temperature si fanno più elevate per l' intensa irradiazione; l'aria diventa più secca e nelle nottate luminose l'escursione termica è elevata. Luglio e agosto sono ovunque i mesi più caldi, con annate in cui il primo registra una supremazia sul secondo. Orvieto ha registrato una temperatura massima di 42°C ; valori di poco inferiori a Terni e nella conca di Gubbio in cui si sono registrati 41°C Si tratta si di valori record, ma le temperature diurne non di rado raggiungono valori piuttosto alti. Ad es: Orvieto ha registrato in agosto una media delle temperature massime di 32°C - Con una certa frequenza si hanno temperature diurne elevate anche in primavera ed in autunno. Se le temperature diurne raggiungono valori elevati , il tramonto e poi la nottata , apportano quei benefici atti a mitigare la calura, facendo scendere i valori a 17 °C (media delle minime di agosto) La media in agosto nell'arco delle 24 ore va dai circa 22°C di Norcia ai quasi 25°C di Terni In inverno, ma per periodi brevi anche in autunno e primavera, risultano molto bassi i valori minimi, molto vicini allo zero. I più bassi a Norcia con valori sotto lo zero -Sempre parlando di record vale la pena di ricordare le temperature di -15°C a Terni - / - 10 a Perugia, - 13 a Gubbio. Nell'inverno del 1956 a Gubbio si sono raggiunti i -23°C. Nelle località più elevate, il freddo intenso con temperature sottozero, può durare anche per lunghi periodi.

Autore : Redazione

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum