Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

L'Etna fa paura? Il Vesuvio molto di più!

Un approfondimento per capire come e perchè si verifichino queste eruzioni.

Geologia - 23 Luglio 2001, ore 08.18

Preambolo L’ultima eruzione dell’Etna minaccia l’abitato di Nicolosi. La lava, secondo il direttore della Protezione civile Barberi, potrebbe infatti aggirare i Monti Rossi per raggiungere gli abitati di Mompilieri e la zona nord di Nicolosi. Particolarmente forte la degassazione dalla bocca a 2100 m con lancio di detriti e bombe vulcaniche. Approfondimento Vediamo di capirci qualcosa di più analizzando la storia e le caratteristiche di questo vulcano. L’Italia, in epoche geologiche molto antiche, è stata già teatro di numerosi cicli di eruzioni vulcaniche disseminate su tutto il territorio. Anche oggi la nostra Penisola è interessata da continui fenomeni geodinamici, cioè terremoti ed eventi vulcanici di diversa entità. Il vulcanismo dell’Etna è legato sostanzialmente ad un fenomeno di assottigliamento della crosta terrestre che, fratturandosi, dà la possibilità al magma di risalire in superficie. Nasce così l’eruzione effusiva: il magma misto a gas risale fino alla superficie e quest’ultimo prorompe con violenza trascinando all’esterno e lanciando in aria brandelli di lava. Questi frammenti ricadono al suolo ancora incandescenti attorno ad un punto chiamato “bocca vulcanica” e dopo queste prime esplosioni la lava arriva a traboccare con tale veemenza da formare, a volte, fontane con zampilli alti anche centinaia di metri. Essa poi trabocca e scorre tranquillamente in colate o si espande tutto attorno, a seconda della morfologia del terreno prossimo al punto di eruzione. Tali effusioni possono durare mesi o addirittura anni, finchè all’interno del condotto il magma, ormai degassato e tornato più denso, non rifluisce in profondità. Le effusioni vulcaniche possono avvenire lungo i fianchi (eruzioni laterali) quando il vulcano si è accresciuto fino a diventare un alto cono. In tal caso la lava fuoriesce da fratture che partono dal condotto principale, lungo il quale il magma sta risalendo trascinato dai gas. Sull’Etna tale fenomeno è frequente: nell’eruzione del 1971, l’attività effusiva iniziata a quota 3000, presso la sommità, nel giro di 69 giorni si spostò gradualmente lungo il fianco orientale del rilievo fino a quota 1800, alimentando in successione una serie di bocche, allineate lungo una grossa frattura. Grazie a vari interventi effettuati per deviare il flusso della lava si è spesso scongiurato il peggio, come la distruzione di paesi e città e la perdita soprattutto di vite umane. L’Etna non è però pericoloso come potrebbe esserlo il Vesuvio che, dal 1944, data dell’ultima eruzione, dorme un sonno apparente. Il Vesuvio, infatti, fa parte della schiera dei vulcani cosiddetti esplosivi: il suo stato di quiete viene controllato minuziosamente, data l’alta pericolosità dei suoi eventi e dato che le sue pendici, considerate ad alto rischio in caso di eruzione, fra abusivismo e incoscienza, sono fittamente popolate. Nelle nove stazioni sismiche dislocate sul monte vengono costantemente controllati i movimenti tellurici, mentre clinometri e geodimeri verificano rispettivamente le eventuali variazioni di pendenza dei versanti e della distanza tra due punti fissi; le stazioni analizzano anche i gas vulcanici: le variazioni nelle concentrazioni di elementi come zolfo e carbonio indicano la presenza di una massa magmatica in risalita. In caso di un’esplosione improvvisa, si avrebbe meno di un’ora per evacuare un milione di persone a rischio diretto. Ogni commento è superfluo.

Autore : Dott. Geol. Sofia Fabbri

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum