Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Italia: Paese ad alto rischio frane

Ogni anno il nostro Paese si trova alle prese con smottamenti del terreno più o meno gravi, non appena si presentano piogge più intense.

Geologia - 30 Luglio 2003, ore 11.38

Tutti ricordano quello che è successo in Campania, nei comuni di Sarno e Quindici, quando a seguito di piogge intense una cospicua parte di terreno ormai imbevuta d’acqua scivolò a valle determinando molte vittime. Si potrebbero citare tanti altri esempi per capire che la nostra Penisola, ogni volta che le precipitazioni si presentano intense, risulti ad alto rischio di smottamenti e frane. Per cercare di capire il perché e soprattutto cosa si può fare per limitare questo fenomeno, si devono tirare in ballo molte condizioni, dovute soprattutto all’orografia che nel nostro Paese risulta molto complessa. Perché il terreno frana? La causa principale è la più banale in assoluto: la gravità. La nostra Penisola è costituita principalmente da catene montuose e tutti i corpi messi in equilibrio precario tendono prima o poi a scivolare verso il basso. Naturalmente, se la causa principale è la legge di gravità, non bisogna dimenticare i fattori che aiutano il distacco di eventuali parti di roccia dalle scarpate. In questo caso l’opera dell’uomo non può essere trascurata. Molto spesso si costruiscono opere senza le necessarie precauzioni, ad esempio strade ed edifici. Per la costruzione di una strada, molto spesso, è necessario “sbancare” uno strato di roccia non indifferente per consentire alla strada stessa di avere un appoggio solido. Tuttavia, se l’appoggio risulta solido per la strada, non lo è per la montagna. I blocchi di roccia “sbancati” nella parte sottostante della struttura non fanno altro che creare un vuoto. Questo può risultare molto pericoloso, in quanto tutto l’apparato roccioso soprastante non possiede più un punto di appoggio. In questo caso basta una pioggia un po’ più intensa del solito per far franare il tutto. Un altro fattore molto importante da tenere in considerazione è la natura geologica del terreno. Ogni volta che si deve costruire un manufatto, risultano di vitale importanza le perizie geologiche. In natura vi sono molte “paleofrane” che possono essere mascherate molto bene alla vista di un osservatore profano. Se si costruisce una casa su un terreno già in frana, è naturale che il rischio di smottamenti sarà quanto mai elevato in caso di pioggia. Anche la natura delle precipitazioni riveste un ruolo determinante per eventuali smottamenti. Sul nostro Paese difficilmente si hanno piogge deboli, a scapito di rovesci intensi e molto localizzati. Se la pioggia risulta rovinosa, anche l’eventuale presenza di alberi nelle scarpate risulta trascurabile, dato che il terreno, una volta imbevuto di acqua, si comporta come impermeabile. Da qui si evince che i rimboschimenti servono fino ad un certo punto: se la pioggia si presenta di debole o moderata intensità gli alberi possono trattenere efficacemente il terreno e il conseguente rischio frane. In condizioni di piogge rovinose, il beneficio indotto dagli alberi risulta minimo, se non nullo. Molte opere si possono compiere sul terreno, per consentire di limitare, ma mai di scongiurare il rischio frane. La presenza di reti metalliche molto resistenti applicate sui pendii montuosi consente di trattenere le eventuali cadute di materiali verso il basso. Anche l’inserimento di pali di cemento armato in un terreno in frana consente di dare alla frana stessa una sorta di “piede”, un punto di appoggio che stabilizzi la tensione presente più in alto.

Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum